Al sindaco Busi il «guerriero» dell’Infopoint

Valtorta Non commentato »

Ufficio-Turistico-Valtorta8Valtorta – La statua dedicata all’amministratore record del paese, per il suo impegno senza riserve per il comune Un guerriero simbolo dell’amministratore montano. C’è infatti un guerriero a campeggiare nel nuovo Punto di informazione turistica di Valtorta. È una pregevole opera in bronzo e vetro con pennacchio in oro a grandezza naturale dello scultore di origini lucane Antonio Tommaselli con studi a Brera: la comunità di Valtorta ha voluto fare così omaggio al suo sindaco Piero Busi.  La presentazione della scultura è avvenuta a conclusione della cerimonia di inaugurazione dell’Infopoint – un’elegante struttura ben inserita nell’ambiente e molto funzionale – già attivato e operativo alla presenza di amministratori locali e dell’alta valle, del consigliere provinciale delegato alle Infrastrutture Jonathan Lobati in rappresentanza del presidente Matteo Rossi, dei progettisti architetti Giancarlo Milesi e Laura Mapelli, di un folto pubblico di valtortesi e di turisti.

CONTINUA ARTICOLO »

Villa d’Almé: un Arlecchino da 18 tonnellate

-La Valle Brembana Non commentato »

ImmagineValle Brembana — Cinque metri di altezza complessiva per 18 tonnellate di peso. Bergamo e la Valle Brembana, sabato 14 febbraio, renderanno omaggio ad Arlecchino, maschera bergamasca e brembana per antonomasia. Con una statua imponente, realizzata in marmo Bianco di Carrara e Arabescato Orobico dallo scultore del Duomo di Milano Nicola Gagliardi. Costata 60 mila euro, è stata voluta e sostenuta economicamente da alcuni imprenditori locali, dalla Comunità montana Valle Brembana e dai Comuni della valle.

CONTINUA ARTICOLO »

Quasi pronto l’Arlecchino alla rotonda di Villa d’Almè

-La Valle Brembana Non commentato »

Corriere-Web-BergamoValle Brembana – Torna con i piedi per terra Arlecchino, almeno a Villa d’Almè. La Valle Brembana si prepara a festeggiare il Carnevale con il suo famoso conterraneo: il 14 febbraio, alle 10, sarà inaugurata al rondò all’imbocco della valle la gigantesca scultura (oltre tre metri) dedicata alla maschera orobica dall’artista milanese Nicola Gagliardi. L’evento non dovrebbe troppo sorprendere: l’omaggio di una terra ai propri simboli, anche se letterari, è la regola, non l’eccezione. Ma Arlecchino, soprattutto in forma di statua, nella sua Bergamo non ha mai avuto vita facile. Paradossale è la vicenda della scultura di Mario Gotti che il Ducato di Piazza Pontida donò, nel 2003, al Comune di Bergamo, perché Arlecchino, con la sua veste colorata, vivacizzasse la pallida fontana di largo Rezzara.

CONTINUA ARTICOLO »

La scultura di Arlecchino mette le basi e invita i turisti

-La Valle Brembana Non commentato »

arlecchinoValle Brembana – Arlecchino inizia a muovere i primi passi. O meglio, a mettere le basi. Sono iniziati, al centro della rotatoria stradale di Villa d’Almè (quella posta all’incrocio con la strada provinciale per Dalmine), all’ingresso della Valle Brembana, i lavori per la posa della scultura-statua che dovrà diventare uno dei simboli forti di questa terra, anche in vista del recente film dedicato alla maschera dall’attore bergamasco Giorgio Pasotti. Lavori in corso In questi giorni l’impresa «Ceroni costruzioni» di Zogno (su progetto di Sandro Ceroni e di Gianpietro Persico) sta realizzando il basamento su cui, presumibilmente da novembre, sarà posata la scultura di Arlecchino, in corso di realizzazione a opera dell’artista milanese Nicola Gagliardi.

CONTINUA ARTICOLO »