Imprenditori, la Val Brembana muore: aiutatela

-La Valle Brembana Non commentato »

Lavoro-Valle-Brembana_Pagina_1Valle Brembana – Un appello per fermare una lunga agonia, quella sul fronte economico per la Valle Brembana, che rischia di soccombere sotto il peso della perdita dei posti di lavoro. Il recente fallimento della Manifattura Valle Brembana, con 310 persone (e quindi famiglie) senza prospettive e una Cassa che scadrà tra 6 mesi è solo l’ultimo fragoroso esempio di un’escalation drammatica. Il «bollettino di guerra» è stato descritto ieri dai sindacati bergamaschi, Cgil, Cisl e Uil, in occasione della presentazione della manifestazione organizzata per sabato mattina a Zogno – con partenza alle 9 dalla sede della Mvb, con corteo per le strade del paese e conclusione nella sala polivalente delle scuole medie, per un confronto pubblico – per sostenere la causa dei lavoratori dell’azienda, ma anche per il rilancio economico e occupazionale della valle. Impressionanti i numeri: 19 mila lavoratori su 40 mila abitanti dei 38 comuni brembani; un tasso di occupazione che resta sotto la media provinciale e un tasso di disoccupazione che negli ultimi 5 anni si è quadruplicato, passando da un 2 a un 8% circa.

CONTINUA ARTICOLO »

Zogno vara i fondi contro il disagio

Zogno Non commentato »

Zogno – L’amministrazione comunale di Zogno prosegue con le iniziative in favore di chi è nel bisogno, sia dal punto di vista economico che sociale. In apertura della seduta del Consiglio comunale, il sindaco Giuliano Ghisalberti ha annunciato che alle maestranze della ex Manifattura Valle Brembana verrà concessa la cassa integrazione, mentre ha poi presentato una delibera – che è stata approvata all’unanimità dai due gruppiconsigliari di Lega Nord e «Zogno InComune» – per lo stanziamento di contributi per dare un sostegno a persone che sono nel bisogno per vari motivi. Il progetto, che è stato redatto dall’assessorato ai Servizi sociali in collaborazione con l’Ufficio degli assistenti sociali, è stato presentato dal sindaco Ghisalberti e illustrato nel dettaglio dal delegato al Sociale, Claudio Sonzogni. Con una premessa introduttiva, nella quale è stata richiamata la situazione di crisi sociale vissuta da tante famiglie del paese, in particolare da quelle in cui il capofamiglia risulta in cassa integrazione o peggio ancora ha perso il lavoro.

CONTINUA ARTICOLO »

Manifattura Valle Brembana, è fallimento, in ansia 310 dipendenti

Zogno Non commentato »

logo_home_smallZogno – Il Tribunale di Bergamo mercoledì 15 ottobre ha emesso il decreto di fallimento per la Manifattura Valle Brembana che ha sede a Zogno. Per 310 dipendenti un amaro epilogo di una lunga agonia industriale che lascia molto amaro in bocca. “Purtroppo questa conclusione era nell’aria – afferma Raffaele Salvatoni della Femca Cisl – da tempo la situazione degenerava e non c’era un vero piano industriale capace di ribaltare le cattive condizioni in cui versa la crisi del tessile”. Una concorrenza spietata che arriva non solo dal Far Est, ma anche da Turchia e Paesi Nordafricani che offrono un costo della mano d’opera bassissimo abbinato a macchinari di alta tecnologia.

CONTINUA ARTICOLO »

Manifattura Valle Brembana, a 327 operai la cassa integrazione

Zogno Non commentato »

Zogno – I dipendenti della Manifattura di Valle Brembana potranno godere della cassa integrazione straordinaria. La positiva notizia è stata data dal sindaco Giuliano Ghisalberti in apertura del Consiglio comunale di martedì sera, come secondo punto delle comunicazioni ai consiglieri, prima di affrontare l’ordine del giorno proposto al parlamentino comunale. Situazione della Manifattura Valle Brembana di cui si è parlato ampiamente in questi mesi, una vicenda particolarmente pesante per l’economia zognese e della Valle Brembana. Rischio fallimento Era tra l’altro arrivata notizia che stesse per scattare il fallimento dell’azienda, con gravissimo pregiudizio per i lavoratori.

CONTINUA ARTICOLO »