In vista dell’Expo la mela brembana sfodera il marchio

Piazza Brembana Non commentato »

Piazza Brembana – Qualità, senza compromessi, ma anche quantità, viste le richieste in continua crescita. È un consuntivo estremamente positivo quello dell’Associazione Frutticoltori e Agricoltori Valle Brembana (Afavb), che a Piazza Brembana, in occasione del tradizionale pranzo di fine anno, ha presentato il nuovo logo della Mela Brembana. «Vogliamo mantenere – ha affermato il presidente Davide Calvi – un’identità che metta al centro le persone e il sereno dialogo fra i circa 200 associati. L’impegno di questi 20 anni è innanzi tutto l’espressione di un’unità d’intenti che ha sommato passione e competenze. Il nuovo marchio è un biglietto da visita chiaro e riconoscibile dietro al quale c’è prima di tutto il nostro amore per il territorio e la volontà di dargli una prospettiva anche economica ». Il nuovo marchio unisce la scritta Val Brembana e la sagoma di una mela ai colori della natura, delle varietà di mele brembane e all’abito di Arlecchino, testimonial riconosciuto della Valle e del turismo bergamasco.

CONTINUA ARTICOLO »

Mele brembane, un marchio a tutela dei 200 frutticoltori

Piazza Brembana Non commentato »

SONY DSCPiazza Brembana – Un nuovo marchio per garantire qualità e territorialità. Viene presentato domenica 15 dicembre a Piazza Brembana, nell’ambito del tradizionale pranzo di fine anno, il nuovo marchio «Mela Val Brembana», promosso dall’Associazione frutticoltori e agricoltori Valle Brembana (Afavb). «Il crescente apprezzamento dei consumatori – sottolinea il presidente Davide Calvi – richiedeva un passo deciso per dare riconoscibilità ai frutti della nostra valle, per evitare che altri possano sfruttare a fini meramente commerciali l’impegno che da oltre vent’anni tanti volontari portano avanti con passione e competenza ». Questione di tutela, ma anche espressione di un patrimonio che unisce coltura e cultura in chiave di promozione territoriale. Il nuovo marchio, ideato da Paolo Lorenzo Gelmi in tandem con Radici Due Gandino, «si presenta fresco come una mela, con i colori della nostra valle». In effetti la vistosa scelta cromatica ha un fine ben preciso, mettendo in evidenza i colori della natura e quelli delle varietà di mela (Golden, Gala, Red Delicious, Renetta e Topaz) coltivate da oltre 200 frutticoltori in aree montane altrimenti destinate al degrado.

CONTINUA ARTICOLO »

Sagra della Mela e dei prodotti tipici della Valle Brembana

Piazza Brembana Non commentato »

SONY DSCPiazza Brembana – Sabato 19 domenica 20 ottobre a Piazza Brembana torna la Sagra della Mela e dei Prodotti Tipici della Valle Brembana. L’Associazione Frutticoltori Agricoltori della Valle Brembana vi aspetta per l’apertura ufficiale che si terrà sabato 19 ottobre a Piazza Brembana (BG) alle 9 per proseguire con una giornata ricca di appuntamenti. Il mercatino di prodotti tipici e di artigianato e la vendita delle mele della Valle Brembana che si tiene nella piazza adiacente la Biblioteca e che farà da cornice per l’intero fine settimana al Tour Gastronomico “I Sapori della Valle Brembana”.

CONTINUA ARTICOLO »

Orobie: antipasto d’inverno, giù le temperature e arriva la prima neve

-La Valle Brembana Non commentato »

Neve-Monte-Avaro22Orobie – Anche nella Bergamasca è arrivata la prima neve. Prevista dai bollettini meteo, ma comunque in anticipo rispetto alla stagione canonica e soprattutto con temperature sotto la media. A far da prologo è stata una vera e propria burrasca di pioggia e vento che ha investito gran parte della provincia nella serata di giovedì, provocando in diversi casi la caduta di alberi. In Valle Brembana e dintorni, per esempio, i vigili del fuoco di Zogno nel corso della nottata sono dovuti intervenire a ripetizione per tagliare piante, anche di grosse dimensione, e liberare le strade. I comuni maggiormente colpiti sono stati Zogno, Almenno San Bartolomeo, Villa d’Almè, Peghera, San Giovanni Bianco e Mezzoldo. In qualche caso ci sono stati problemi limitati alla circolazione e sono stati segnalati provvisori distacchi della corrente elettrica (è il caso di Roncobello) e dei ripetitori televisivi.

CONTINUA ARTICOLO »