Dal parüch al vino e ora la Valle Brembana inizia a coltivare il mais

-La Valle Brembana Non commentato »

Alta Val Brembana – L’appello era stato lanciato lo scorso autunno: «Cerchiamo il mais che per decenni, se non per secoli, anche in alta Valle Brembana, era stato coltivato. Recuperiamolo e proviamo a tornare a coltivarlo». Si cercava qualcuno che avesse ancora pannocchie rinsecchite in qualche cantina o in qualche solaio, magari appese per bellezza o ricordo. Purtroppo nessuno si è fatto vivo, almeno fino ad ora. Prima di partire, comunque, con il progetto di coltivazione voluto dal Comune di Cusio, dal Consiglio per la ricerca in agricoltura (Cra) e Slow food Valli Orobiche, si vuole fare un ultimo tentativo alla ricerca di una varietà locale di mais.

CONTINUA ARTICOLO »

Roncobello, candidati divisi su scuola e spese

Roncobello Non commentato »

Roncobello – L’appuntamento con il voto, a Roncobello, ripropone in buona parte la sfida di cinque anni fa. Le due liste in campo, infatti, sono «Uniti per Roncobello», guidata dal sindaco uscente Andrea Milesi, operaio, 49 anni, e «Incontri», con Silvia Bertolini, commerciante, 43 anni, che, rispetto al 2009, prende il posto di Luciano Gervasoni (in caso di vittoria Gervasoni ricoprirebbe l’incarico di vicesindaco). Il confronto fra i due candidati parte da due presupposti diversi.

CONTINUA ARTICOLO »

Così tutto Roncobello nascose per due anni e salvò la vita a 9 ebrei

Roncobello Non commentato »

Roncobello – Mi permetto narrarvi la storia della mia famiglia dal 1943 al 1945.Dopo aver subito il campo di concentramento di Ferramonti fummo mandati, come internati liberi, prima a Ponte Nossa e poi a Branzi. Rimanemmo in questo paese fino al settembre del 1943, epoca della capitolazione. Per molti giorni ci assillò un grave problema: andare o restare, finché venne richiesto alle varie stazioni dei carabinieri ed ai podestà se v’erano ancora degli ebrei e in caso positivo di consegnarli. I carabinieri stessi ci avvertirono indirettamente del grave pericolo e non ci restò altro da fare che fuggire. Casualmente incontrai l’uomo al quale dobbiamo – si può dire – la vita: il geometra Isacco Milesi podestà del Comune di Roncobello.

CONTINUA ARTICOLO »

Dalla fiera di Branzi dieci tour sui formaggi

Branzi Non commentato »

Branzi – Dieci itinerari turistici ispirati ai Formaggi principi delle Orobie: Formai de mut, Bitto storico, Branzi Ftb, Strachitunt Valtaleggio, Agrì di Valtorta e Stracchino all’antica. I tour saranno presentati, domenica alle 10,30, nell’ambito della nona Fiera di San Matteo, rassegna di cultura, turismo ed enogastronomia in programma da domani a Branzi, patria del formaggio omonimo. L’idea che si vuole far passare è che la valle non è solo sci invernale o trekking estivo, ma può offrire tanto in ogni stagione». Ecco gli itinerari: «Storia, sapori e relax tra Carona, Branzi e Roncobello» (con due proposte diversificate, estiva o invernale), la «Valle Brembana occidentale » da Valtorta alla Valle di Mezzoldo (estiva e invernale), quindi la «Patria del Taleggio, delle poste e di Arlecchino», a Lenna, in agriwellness per il «Benessere alla maniera del contadino» e alla scoperta della cultura rurale, San Pellegrino con il liberty e l’agriturismo a Sedrina per lo Stracchino all’antica, Zogno con le grotte e il tartufo nero di Bracca, la Val Serina con la visita a un’azienda agricola e, infine, l’albergo diffuso di Ornica e la Val d’Inferno. Si tratta di itinerari di due giorni (un pernottamento) con prezzi dai 75 ai 180 euro circa che saranno acquistabili a breve sempre tramite la Fiera di San Matteo. E se vetrina della valle vogliono essere gli itinerari, altrettanto farà da domani a domenica la fiera di Branzi.

CONTINUA ARTICOLO »