San Pellegrino Terme – Stop al traffico a partire da martedì prossimo, 6 aprile, nel di San . Per consentire i lavori di posa delle tubature di media pressione del gas da piazza Locatelli (dove c’è il Tempio dei Caduti) a piazza – e quindi nelle vie Aldo Moro e San Carlo – la circolazione sarà interrotta per due-tre settimane. Durante questo lasso di tempo i veicoli in transito saranno deviati sulle vie Vittorio Veneto e Bortolo Belotti (quartiere Piazzo e di fronte al ). «Si tratta di uno degli ultimi interventi compresi nei lavori di infrastrutturazione generale previsti dall’accordo di programma con il Gruppo Percassi, la Regione e la Provincia – spiega l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di San Pellegrino, Franco Nicolosi –. L’impresa incaricata inizierà con due squadre di lavoro: da piazza Locatelli e dal ponte Vecchio, sempre a scendere.

Quello in questione è un tratto di strada particolarmente stretto, le cui dimensioni non consentono l’istituzione di un senso unico alternato. Per questo la circolazione sarà vietata per due o tre settimane. Saranno posate le tubature di media pressione del gas, un intervento che continua i lavori già eseguiti in località Vetta, nella zona del cimitero, quindi verso il santuario della e sul viale della Vittoria».

«I lavori fin qui realizzati sulle tubature – prosegue l’assessore Nicolosi – hanno già consentito di risolvere la carenza di rifornimento nella zona di Pregalleno. Il quartiere, con la recente urbanizzazione e la costruzione della piscina, non era adeguatamente servito dalla rete gas. E le nuove residenze costruite rischiavano di non poter avere gas sufficiente per il riscaldamento. Questo intervento ha risolto il problema».

prossima tappa l’ex provinciale
Conclusa la posa delle tubature di media pressione in via Moro si inizierà a lavorare anche in via Mazzoni e in via (lungo l’ex strada provinciale verso ) fino all’altezza della Borlezza. «Verranno realizzate le condutture – continua Nicolosi – che poi serviranno al nuovo insediamento e al centro termale previsti nell’operazione di rilancio della nostra cittadina».

Tutti i lavori fanno parte dell’intervento di infrastrutturazione generale, durato oltre un anno, che ha interessato in modo particolare la località Vetta, sopra il capoluogo, dove l’intervento, per una spesa complessiva di 6 milioni e 400 mila euro, è ormai concluso. «È stata allargata la strada verso Vetta e Aplecchio – prosegue l’assessore al Lavori pubblici – sono state realizzate le fognature, prima inesistenti, e, in genere, si sono rimessi a nuovo tutti i sottoservizi. Per la conclusione dell’intervento manca ora solo la posa del tappetino di usura della strada».

il nuovo collettore per ambria
E nei giorni scorsi è stato firmato anche il contratto per il lavori di collegamento dell’ultimo tratto del collettore fognario che da San Pellegrino arriverà ad Ambria (dove già esiste la conduttura che arriva al depuratore di Zogno, funzionante da alcune settimane). La posa delle tubazioni avverrà sull’ex sedime ferroviario. I lavori, secondo l’amministrazione comunale, dovrebbero iniziare nell’arco delle prossime due settimane.

L’Eco di Bergamo