San Pellegrino Terme – Giovanni Fumagalli, titolare della farmacia di San Pellegrino, ha vinto recentemente il decimo concorso nazionale per produttori di birra in casa (Homebrewers), al birrificio Baladin di Piozzo, in provincia di Cuneo. Alloro conquistato con la birra «Cámoz», di categoria «Imperial stout». «Sono un appassionato birraio casalingo e coltivo questo hobby da 15 anni – dice Fumagalli –. Da qualche anno ho cominciato ad affinare la tecnica e a confrontarmi con altri appassionati. Quello del Baladin rappresenta uno degli appuntamenti più importanti e frequentati.

La birra presentata è una birra scura, di alta gradazione (7,2 gradi), ispirata alla birra americana Gonzo, conosciuta e apprezzata nell’ambiente di chi si rivolge a birre di qualità. E per me riuscire ad avvicinarmi ad essa ha rappresentato una vera e propria sfida». Sfida che è culminata in un successo pieno a giudizio dei sei giudici, di cui tre italiani e tre stranieri (Canada, Spagna e Belgio). «La giuria è stata pressoché unanime nell’attribuire quasi il massimo dei voti – dice Fumagalli –. Il commento che mi ha fatto più piacere è stato quello del giudice-birraio Belga che sulla scheda della mia birra ha scritto: “meilleur que l’originale!”». «La “Camoz” è una birra forte – prosegue Fumagalli – molto strutturata e complessa. Oggi birre di questo tipo vengono definite “estreme”, perché fuori dagli stili canonici.

A guardarla sembra olio combustibile, poi assaggiandola rivela generosamente aromi di caffè e cioccolato, dovuti ai malti e ai profumi derivati da luppoli aromatici che danno una forte nota agrumata. L’ho chiamata “Cámoz” per ricordare il caro amico Camos, la guida alpina Bruno Tassi di San Pellegrino, personaggio estremo, all’apparenza scontroso ma di grande generosità d’animo».

L’Eco di Bergamo

Hotel, Alberghi e Appartamenti San Pellegrino TermeFotografie San Pellegrino Terme
EscursioniManifestazioniI Tesori del LibertyCartoline antiche