stabelloSuonano a festa da alcuni giorni le campane della chiesa parrocchiale di , frazione di Zogno. Nella piccola frazione la tradizione torna anche quest’anno con la festa della «Madonna della cintura». Una ricorrenza fortemente sentita nella piccola comunità che conta circa 600 abitanti e che segna l’inizio delle sagre al , in vista della festa della taragna (dall’11 al 13 settembre e dal 18 al 20 settembre) a settembre e della Madonna del Rosario a ottobre. I ricavati saranno devoluti per la realizzazione dell’oratorio. Da qualche settimana, infatti, sono iniziati i lavori per la ristrutturazione della vecchia casa parrocchiale, che termineranno nel giro di un anno. Al pianterreno saranno ricavati i servizi igienici, l’ascensore e la taverna degli , al primo piano una grande sala della comunità; adiacente, oltre ai servizi igienici, una sala per l’archivio storico e altre aule per la direzione; al secondo piano le aule per il catechismo, un magazzino e il cineteatro. Saranno collocati nel sottotetto invece due piccoli monolocali da destinare al sacerdote e ai bisognosi.

È un passo importante per la nostra comunità – spiega don Luciano Locatelli -. Sono diversi anni che stiamo raccogliendo fondi per l’oratorio. Ora si è passati ai fatti». L’idea di attrezzare la frazione di un oratorio è nata cinque anni fa, quando don Umberto Tombini, con la comunità, ha rilanciato le feste della frazione. Si inizia oggi con la serata dedicata agli anziani: alle 19 l’apertura della cucina, dalle 20,30 i giochi e l’animazione musicale con le orchestre di ballo liscio. Domani, alle 18 la Messa, l’apertura della cucina al campo sportivo alle 19, alle 20.30 l’animazione musicale e alle 22 i fuochi d’artificio. Domenica, alle 15.30, la processione, dalle 19 la cucina con l’animazione musicale e maxi tombolata.

L’Eco di