Nei giorni scorsi, in occasione dell’anniversario dell’armistizio, avvenuto l’8 settembre del 1943, l’Amministrazione comunale di San Pellegrino Terme in Valle Brembana ha voluto dedicare alla memoria dei Martiri di Cefalonia la piazzetta della frazione di Piazzo Basso, rimessa a nuovo di recente. Più di un centinaio di ha partecipato all’intitolazione della piazza del piccolo borgo, in festa per la ricorrenza di San Nicola. Al termine della Messa celebrata da monsignor Giacomo Locatelli a ricordo dei Caduti di Cefalonia, il corteo si è diretto verso la piazzetta, dove è stata scoperta una lapida in marmo e due reduci di Cefalonia di San , Alessio Bianchi, classe 1922, e Mario Bombardieri, classe 1923, hanno deposto una corona d’alloro.

«Proprio nel giorno del ricordo dell’8 settembre del 1943 – ha affermato il sindaco Gianluigi Scanzi – abbiamo deciso di ricordare i caduti di Cefalonia e la tragedia della Divisione Acqui, massacrata dai tedeschi sull’isola di Cefalonia, in Grecia». Il recupero della piazzetta di Piazzo Basso, ora in porfido e con una nuova illuminazione, è stato reso possibile anche grazie a una famiglia che ha ceduto parte dell’area, in ricordo del padre, reduce di Cefalonia.

L’Eco di

Hotel, Alberghi e Appartamenti San Pellegrino TermeFotografie San Pellegrino Terme
EscursioniManifestazioniI Tesori del LibertyCartoline antiche