Sul sagrato della Chiesa Arcipresbiterale di San Giovanni Battista si è svolta la serata finale della XXIV edizione del Concorso di Poesia Dialettale alla memoria di Filippo . Il premio è stato organizzato dalla Pro-Loco e dal Comune di , con l’alto patrocinio del Consiglio Regionale della Lombardia. La selezione delle poesie scelte tra le opere pervenute per autori è avvenuta lo scorso 30 luglio da parte della Giuria tecnica presieduta dal professor e composta da Norma Micheli (per il Comune di ), Riccardo Caccia (avvocato, docente dell’Università di Bergamo), Giorgio Bonzi e Marco Bedolis (per la Pro Loco di ), Giancarlo Giavazzi (scrittore e docente di dialetto) e Antonio Cernuschi.

La Giuria tecnica per l’edizione 2010 ha attribuito il premio alla migliore poesia su Dossena all’ opera “ Dosséna “ di Luigi Furia di Gorno. Le 5 opere finaliste durante la serata finale sono state votate anche da una Giuria popolare composta da circa 100 presenti e i voti di quest’ultima sono stati sommati ai voti della Giuria tecnica.

1a classificata – Nostalgéa Rita ROSSI di Bergamo  voti 63
2a classificata  L’öltima zèrla de stram Renato ROCCA di Ponte Nossa voti 58
3a classificata – Bèpo del Rissöl Albino ZANELLA di Bergamo voti 54
4a classificata – La montagna la lücia Alessandro PELLEGRINI di Brembilla voti 45
5a classificata – Rosada d’amùr Gigi MEDOLAGO di Boltiere voti 40

Alla serata hanno partecipato tra gli altri Giovanni Milesi, assessore alla cultura della provincia di Bergamo, Sergio Tiraboschi dell’Eco di Bergamo, oltre a circa 250 spettatori. Ha presentato le opere lo scrittore e regista Ferruccio Giuliani. Durante la serata il complesso di Luciano Ravasio ha presentato brani tradizionali tratti dalla sua recente produzione musicale.

Nostalgéa di Rita ROSSI di Bergamo

Ghe rìe piö a stàt dré
te scàpet tròp de frèssa
lontà de mé.

Lassàt de banda i pöe
metìcc i prim tachècc per isghingà,
m’indàa per i sentér
pröfömàcc di vint’agn,
te gh’ìe i öcc
pié de stüpùr incantàcc de belèsse,
ol respìr delicàt,
ligér, quando söi sime
di mucc m’vardàa
la val in fiùr,
e m’se fermàa estàtegh
coi sògn che mai i finìa.

Me sènte consömà de nostalgéa,
soféghe i mé pensér
in del löch di memòrie.
L’è ‘l tép che piö nissü se spèta …
Ègnem incóntra amò con töt ‘l amùr,
“zoentü” te préghe,
fàm amò i care
prim de sbassà ‘l sipare!