Il , nell’ambito della nona edizione di Bergamoscienza e in collaborazione con il Cai di e il Cai Alta , ha organizzato una giornata dedicata alle conseguenze dei cambiamenti climatici sull’ecosistema delle . Mercoledì 12 ottobre al Palamonti alcuni dei maggiori esperti italiani, da anni impegnati nello studio delle variazioni degli ecosistemi nel territorio alpino, insieme ai referenti del progetto internazionale GLORIA , condotto dal Bergamasche, l’Università degli Studi di Pavia, il WWF e il Centro Lombardo, si sono confrontati sugli spostamenti della flora che da millenni abita la più imponente catena montuosa italiana.

Il presidente del Parco delle Orobie, , grazie ai dati raccolti dall’esperto del Parco, Juri Belotti, ha sottolineato i risultati più significativi del progetto. Da una prima analisi dei cambiamenti climatici in atto – ha detto – è emerso che il 60% di specie della flora delle Orobie rischia l’estinzione nel corso dei prossimi 80 anni. Le Orobie sono infatti che non raggiungono quote elevate (max. 2521 m Presolana) e essendo collocate nella parte esterna delle Alpi, risentono maggiormente dell’innalzamento delle temperature. A peggiorare le condizioni contribuiscono le rocce calcaree altamente permeabili di cui sono costituite che rendono le Orobie naturalmente aride.

E’ questo l’effetto del Global Change, cioè il tasso di aumento della temperatura del pianeta a partire dall’ultima glaciazione, registrato soprattutto sulle Alpi, dove l’incremento è stato doppio rispetto a quello delle restanti zone dell’emisfero settentrionale. I cambiamenti climatici sono responsabili di mutamenti radicali del paesaggio alpino, con conseguenze soprattutto sui ghiacciai e sulla vegetazione. Ha infatti ricordato Juri Belotti “Esiste un trend in cui le temperature più alte si hanno in luglio, le più basse corrispondono al periodo pre e post invernale in assenza di copertura nevosa (ottobre e marzo), mentre nei mesi invernali le temperature tendono ad attestarsi attorno agli 0°C a causa della coltre nevosa”.

Nel corso della conferenza i ricercatori hanno spiegato com’è possibile prevedere le variazioni future sugli ecosistemi studiando il clima del passato, attraverso l’analisi della morfologia del paesaggio e dei cosiddetti archivi naturali, come i sedimenti lacustri, le torbiere e le piante. Sono intervenuti Paolo Cherubini, della Swiss Federal Research, Giovanni Leonelli, ricercatori dell’Università degli Studi di , Cesare Ravazzi, dell’Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali del CNR.

Bergamo NEWS