San Giovanni Bianco – Più mezzi di soccorso (solo da fine 2012) ma senza ambulanza medicalizzata all’ospedale. La riorganizzazione del servizio di soccorso del 118, decisa dall’Azienda regionale emergenza urgenza (Areu) anche per la Valle , partirà in primavera, ma sembra non convincere tutti, anche se per ora nessuno si pronuncia ufficialmente. Nella ridistribuzione dei mezzi, infatti, è prevista l’eliminazione della postazione attualmente aperta a Zogno (notturna) e dell’ambulanza medicalizzata di stanza a .

Niente ambulanza in ospedale
In compenso le ambulanze arriveranno a e San . Il riassetto, solo annunciato per ora, in valle sta creando dibattito. La nuova organizzazione prevede non più l’ambulanza ma un’auto medicalizzata 24 ore (senza possibilità di trasporto del paziente) all’ospedale di San Giovanni Bianco, un’ambulanza di base (solo con soccorritori volontari) a Lenna per 24 ore e (da fine 2012) un’ambulanza di base diurna (12 ore) a San . Dalle due ambulanze di oggi (quella medicalizzata di San Giovanni Bianco e quella di base a Zogno), quindi, si passerebbe, a inizio riorganizzazione, a una sola ambulanza di base a Lenna e a un’auto medicalizzata all’ospedale di San Giovanni Bianco. A cui, da fine 2012, si aggiungerebbe un’ambulanza di base diurna a San . Così disegna la ridistribuzione dei mezzi di soccorso Oliviero , medico responsabile del 118 di , che però rassicura sul miglioramento del servizio. «La è sicuramente l’area che dalla ridistribuzione trarrà maggiori benefici – spiega Valoti –. Secondo i dati attuali, infatti, oggi l’utilizzo dell’ambulanza medicalizzata all’ospedale è poco razionale. Su cento interventi solo il 4 necessiterebbero del medico. Medico che, però, esce ugualmente e, invece, potrebbe essere utilizzato per altre situazioni. Con l’auto medicalizzata in ospedale e l’ambulanza di base a Lenna, invece, il servizio migliorerà. Facciamo l’esempio di un su cui arriva l’auto col medico a bordo. Se questi verifica che il caso non è grave attende l’ambulanza e poi è libero di intervenire su altri eventuali chiamate. Oggi, invece, deve seguire l’ambulanza. Se l’incidente, al contrario, è da codice rosso, sale sull’ambulanza e segue il ferito fino all’ospedale. Con tale riorganizzazione il medico potrà dedicare più tempo all’utenza. Oggi, al contrario, deve intervenire anche laddove non necessario, è usato a sproposito».

Postazione pure a Villa d’Almè
«Toglieremo l’ambulanza notturna da Zogno – prosegue il responsabile del 118 – anche questa poco calibrata per i pochissimi interventi che effettua. E la sposteremo, però diurna, da fine 2012, a San Pellegrino. Infine la media e bassa valle potrà essere servita anche da una nuova postazione di 24 ore a Villa d’Almè (oggi solo a “gettone”). Senza contare che la valle può disporre di un forte volontariato, per esempio dell’associazione Vab (Volontari ambulanze ), oggi pagata “a gettone”, in base al numero di interventi, ma praticamente in servizio 24 ore su 24».

Inizialmente prevista per gennaio 2012 la riorganizzazione del servizio 118 in provincia dovrebbe partire dalla primavera. E il servizio per la sarà potenziato: se in Lombardia, secondo quanto stabilito dalla Regione, arriveranno complessivamente 45 nuove autolettighe, per la nostra provincia sono previste quattro ambulanze di base in più.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di Bergamo