San Pellegrino Terme – Per l’inizio dell’estate San dovrebbe avere un nuovo ingresso stradale. Sono iniziati, infatti, nell’area della i lavori per la realizzazione della rotatoria di Ruspino, lungo l’ex statale: sarà il nuovo svincolo Sud per la cittadina termale. In pratica, ora, chi arriva da , per entrare a San Pellegrino, deve immettersi sul viadotto, quindi prendere la rampa che porta in via Pregalleno e da qui proseguire verso via De’ Medici. Grazie al rondò, che avrà un costo di circa 450 mila euro, si potrà entrare nella cittadina direttamente da via De’ Medici (accanto all’ Riposo), come, peraltro, avveniva prima dell’apertura delle gallerie. Sul tratto finale di via De’ Medici, quindi, sarà ripristinato il doppio senso di marcia.

«Oltre a togliere il traffico da via Pregalleno e a rendere più agevole l’ingresso in paese – spiega l’assessore ai Lavori pubblici di San Pellegrino Franco Nicolosi – la rotonda dovrebbe garantire anche maggiore , rallentando i veicoli che percorrono il rettilineo di Ruspino». Rettilineo sul quale, peraltro, proprio da questa settimana, la Provincia ha istituito il limite di velocità di 70 chilometri all’ora (prima era di 50) uniformandolo con il tratto che arriva fino ad di Zogno. A rondò funzionante (avrà un diametro di 45 metri con la corsia larga 9,5 metri), la rampa per Pregalleno resterà aperta, ma sarà molto probabilmente utilizzata quasi esclusivamente dai residenti del quartiere.

«E con la Provincia – prosegue Nicolosi –, sempre in via Pregalleno, si dovrà valutare la possibilità di disegnare un tracciato per la pista ciclabile che, in quel punto, di fatto, per ora si interrompe». I lavori per realizzare la rotonda, a cura dell’impresa «Felice Ghisalberti» di Zogno (sono previsti quattro mesi di cantiere), sono a carico della Provincia mentre l’arredo interno sarà realizzato dal Comune di San Pellegrino con una spesa di 120 mila euro (come contributo della Sanpellegrino Spa): in particolare il progetto prevede la costruzione di una fontana circolare di circa 11 metri con un marciapiede interno di 80 centimetri sul cui bordo esterno sarà posizionata la scritta «», ripetuta tre volte in modo che possa essere letta dai tre innesti alla rotatoria. Al centro della fontana, quindi, sarà posizionato un gruppo di rocce da cui emergerà una statua di quattro metri di altezza. La statua avrà il volto principale verso chi arriva da San Pellegrino e solleverà al cielo una sorta di cornucopia da cui sgorgherà acqua. Un chiaro riferimento, quindi, a San Pellegrino come cittadina dell’acqua e del benessere.

L’Eco di Bergamo

http://forum.valbrembanaweb.com/post84792.html#p84792

Hotel, Alberghi e Appartamenti S.Pellegrino TermeFotografie