Donato dagli amici di Cerete, ricostruisce e chiese. Un grande presepe, ampio quattro metri per quattro, realizzato con materiali naturali, dal legno alle pietre, che raffigura il paesaggio tipico della Valle Taleggio: è quello che è stato inaugurato nei giorni scorsi al parco giochi di di da Comune, parrocchia, Pro loco di Pizzino e dal «Gruppo amici del presepe» di Cerete Basso che ha donato la realizzazione. Il presepe interrato, visibile attraverso una vetrata antisfondamento, illuminato e caratterizzato da giochi di luce che consentono di vedere il passaggio dall’alba fino al tramonto, è permanente e sarà quindi visibile tutto l’anno.

«Ci è stato donato dal gruppo di Cerete Basso – spiega il presidente della Pro loco di Pizzino Battista Cerea – e fino al 2004 era esposto in un locale della canonica di Pizzino. Ora, grazie a un contributo del Comune di 2.000 euro, è stato possibile realizzare uno spazio protetto dove poter esporre il presepe in modo permanente. E l’opera entrerà a far parte dell’itinerario dell’Ecomuseo della Valle». Nel presepe sono raffigurati, tra gli altri edifici, le chiese di Fraggio e di Pizzino, alcune baite tipiche e la fontana di Arighiglio, scavata in un blocco di pietra.

All’inaugurazione erano presenti, oltre ai componenti della Pro loco di Pizzino e del «Gruppo amici del presepe», il vicesindaco Pietro Milesi, il parroco don Sandro Baronchelli e un numeroso pubblico. Dopo gli interventi di rito per ringraziare il «Gruppo amici del presepe», c’è stata l’accensione del presepe: il vicesindaco Milesi, il parroco don Baronchelli e il rappresentante di Cerete insieme hanno schiacciato il pulsante che ha illuminato l’esposizione. A conclusione la benedizione del parroco.

L’Eco di Bergamo

ALBERGHI HOTEL APPARTAMENTI TALEGGIO
FOTOGRAFIE IMMAGINI DI TALEGGIO
ESCURSIONI VAL TALEGGIO