Zogno – È stata folta ed entusiasta la partecipazione alla tradizionale festa dello sport che ogni fine anno viene organizzata dall’amministrazione comunale di Zogno (assessorato allo Sport) per premiare atleti e società distintisi nel corso dell’annata ai vari livelli agonistici. Una festa anche per lanciare un messaggio ai ragazzi a essere impegnati nella pratica sportiva «intesa correttamente come momento di divertimento e socializzazione – ha commentato il delegato comunale allo Sport Diego Donadoni – che si coniuga poi con la formazione della persona».

«Proprio con tali intenti – ha osservato a sua volta il sindaco Giuliano Ghisalberti (Lega nord) – l’amministrazione comunale è da sempre vicina allo sport che nel nostro paese trova ampia pratica con ottimi risultati agonistici». Va precisato che a Zogno sono attive oltre 30 associazioni sportive. La manifestazione si è svolta nella palestra del centro sportivo di Camanghè di Endenna affollata di pubblico, in gran parte giovanissimi e loro familiari, presenti il sindaco Giuliano Ghisalberti, il vicesindaco Giampaolo Pesenti, l’assessore Massimo Pesenti e il dirigente scolastico Claudio Gotti. Ha coordinato lo svolgimento della festa Diego Donadoni.

Il maggior numero di riconoscimenti sono andati allo sport giovanile: tra loro Marina Zambelli, lo scorso anno capitana della nazionale azzurra juniores di pallavolo e attuale componente della prima squadra di volley della Foppapedretti. Doverosa la citazione di alcuni sportivi di più alta fascia d’età proposti a esempio dei giovani, e si parla di Antonio Baroni, campione italiano over ’50 della skyrace, di Carmelo Mazzoleni, campione italiano major di enduro, e di Gianfranco Carrara, da decenni dirigente di società sportiva.

Sergio Tiraboschi – L’Eco di Bergamo