Piazza Brembana – Cambia il regolamento Irpef, si pagherà in base al reddito, con esenzione per chi guadagna meno di 6.000 euro annui: 0,45 per mille l’aliquota base, per poi salire a scaglioni. È stato deciso nell’ultima seduta del Consiglio comunale di , con l’approvazione di un nuovo regolamento. Qualche obiezione dai banchi delle minoranze («Per un futuro coerente» e «Piazza pulita»), che lamentano come l’addizionale comunale sarà più alta rispetto agli anni passati. «Colpa del decreto Salva Italia – ha ribattuto l’assessore al Bilancio, Manuel Lobati –, ma questo regolamento è più equo rispetto al passato».

La discussione è entrata nel vivo con l’adozione delle aliquote Imu, passata con i voti della maggioranza e tre contrari dell’opposizione: 5 per mille sulla prima casa e 8,6 per mille sulle seconde, al 10 per mille invece per banche e istituti di credito. «È una decisione difficile, ma se vogliamo mantenere i servizi al cittadino queste tariffe sono una scelta obbligata – ha spiegato il sindaco Geremia Arizzi –: buona parte dei soldi introitati andranno dritti nelle casse statali, al Comune rimane ben poco. Volevamo essere sicuri di chiudere il bilancio.

L’Imu è una vicenda sempre in evoluzione». Non ha avuto mezzi termini Dimitri Donati, della lista «Piazza pulita»: «Avete alzato tutte le tariffe, potevate almeno mantenere le aliquote base all’Imu». Ma l’assessore Lobati ha replicato: «Vediamo la prima rata della nuova tassa, con la seconda potremo poi riuscire a fare delle valutazioni». A tenere banco, pure l’approvazione del bilancio 2012 con diverse opere importanti previste, che vedranno i primi colpi di ruspa i prossimi mesi grazie a finanziamenti regionali: 500 mila euro sono destinati alla realizzazione del canale di gronda a monte del centro abitato, 200 mila invece per la sistemazione della località Monte Sole. Nello specifico i due interventi si legano: prevedono infatti la realizzazione di canaloni e vasche per la raccolta di acqua e detriti, che da monte scendono in paese in occasione di forti piogge creando notevoli disagi alle residenze del . La realizzazione dell’opera, ora in fase di progettazione, è finanziata con diversi regionali.

Progetto particolarmente atteso dalla comunità, finanziato con risorse comunali, è un parco pubblico, con la riqualificazione dell’area in prossimità della zona tiro a segno, per un impegno di spesa di 200 mila euro: si prevede la realizzazione di un parco giochi con attrezzature per ragazzi disabili. Altri 30 mila euro sono poi destinati alla sistemazione di strade e illuminazione pubblica: «Sono interventi necessari per riqualificare tratti di strade comunali e portare nuovi punti luce in vie e contrade ancora sprovviste, completando la rete di illuminazione» dice l’assessore Lobati. E, ancora, 30 mila euro sono destinati sempre ad asfalti e marciapiedi.

Il peso dei mutui
Tra le pieghe del bilancio emerge come il 17,2% delle risorse occorre per pagare i mutui degli anni passati, per una spesa di circa 190 mila euro. «Non possiamo aprire altri prestiti – aggiunge Marco Ruffinoni assessore a Urbanistica e Territorio –, il di indebitamento degli enti come il nostro è stato abbassato all’8%».

Massimo Pesenti – L’Eco di