Brembilla – Sarà inaugurata domani alle 10,30 la nuova sede del micronido di , in via Croce Garateno a Cadelfoglia, aperto da mercoledì. La cerimonia sarà allietata dalle musiche di Damiano Cortesi, membro dell’associazione «Corpo musicale di ». La progettazione degli interventi di recupero della struttura che occupa ora il micronido è stata curata dal personale dell’ufficio tecnico comunale, Giancarlo Rinaldi e Annalisa Begnis. A gestirlo sarà l’associazione «Giochincorso» di Bergamo, tramite una convenzione. È la stessa che da settembre 2006 gestiva il micronido «Le rondini» nella sede in centro paese. «Il nido – spiega Elena Locatelli, assessore ai Lavori pubblici – è destinato ad accogliere bambini e bambine dai 3 ai 36 mesi. Per l’anno scolastico che sta per cominciare sono già 14 gli iscritti, di cui 10 residenti a e 4 provenienti da paesi limitrofi.

Alla cerimonia di inaugurazione sono stati invitati i genitori dei bambini iscritti, gli amministratori pubblici e le autorità, il privato cittadino che aveva concesso l’utilizzo dell’abitazione dove era stata aperta la precedente sede».
Il micronido trova casa all’interno di quella che già un tempo fu una scuola elementare, e che si trova sulla strada comunale che si stacca dalla provinciale e porta alla frazione Croce Garateno. Una grande struttura di 11 metri per 18, realizzata intorno al 1940, sviluppata su due piani, di cui il micronido occuperà il piano terra.
«In questo modo – spiegano i due progettisti – l’asilo micronido sarà inserito in un edificio pubblico permettendo così un miglioramento qualitativo degli spazi, un servizio più economico per le famiglie e infine un riuso di un edificio che al momento non risulta sfruttare a pieno le sue potenzialità. La precedente localizzazione all’interno di una proprietà privata era infatti dovuta al fatto che nel 2005 l’amministrazione comunale ancora non disponeva di spazi dove realizzare la scuola, ma il servizio era richiesto dalle giovani famiglie del paese. Ecco quindi stipulato un accordo con un privato che ha messo a disposizione alcuni locali allo scopo».
«Ora – continuano Rinaldi e Begnis – il precedente immobile è tornato in uso al proprietario e il Comune è dotato di una struttura che accoglierà il servizio per i prossimi anni, con inoltre un aumento dei posti per i bambini». Il progetto infatti prevede la possibilità di ospitare fino a un massimo di 10 bambini con la sala per la nanna con dieci lettini, una stanza per il gioco e infine un’area adibita esclusivamente alla cucina collegata a una sala da pranzo. Non solo, anche l’area esterna della ex scuola è stata sistemata. «Una parte, in particolare – spiegano ancora i progettisti – verrà sistemata con una pavimentazione antitrauma conforme alle normative vigenti, necessaria per poter garantire un gioco sicuro ai bambini che volessero trascorrere delle ore all’aperto. Il progetto risponde così a ogni esigenza richiesta dalla gestione del micronido garantendo la disponibilità di ampi spazi nella massima sicurezza».

L’Eco di Bergamo

Alberghi, ristoranti e Appartamenti BrembillaFotografie Brembilla
EscursioniManifestazioniCartoline antiche