Il palazzetto dello sport di San Giovanni Bianco è ancora senza gestore. Presto un nuovo bando del … Il palasport di , chiuso da almeno tre mesi, resta senza gestore. Il bando del comune per l’affidamento del (palestra, bar, ex bocciodromo e altri spazi utilizzati dalle scuole) è andato deserto. Il canone annuo previsto come base d’asta era di 9.600 euro, ma l’aspirante gestore avrebbe dovuto contribuire al miglioramento della struttura, oggi non in buonissime condizioni. Ma, nonostante la gara sia andata deserta, il commissario prefettizio Adriano Coretti assicura che il palasport potrà comunque essere utilizzato dalle scolaresche e dalle associazioni sportive (resterà però chiuso il bar).

«In questo periodo di transizione – spiega Coretti – il Comune gestirà direttamente la struttura, cosa, peraltro che avremmo preferito non fare, considerata anche la difficile situazione economica. Gli studenti potranno utilizzare gli spazi senza particolari difficoltà, visto che non accedono alle docce e soprattutto non lo usano di sera. Per quanto riguarda le associazioni sportive dovremo fissare modalità, tempi e condizioni per l’utilizzo. I gruppi sportivi che vorranno continuare, quindi, dovranno concordare col comune l’accesso. In questa situazione, peraltro, varrà quasi certamente la regola che ogni associazione dovrà provvedere anche alla pulizia della struttura. Considerate le condizioni economiche del comune non è pensabile di assumere qualcuno».

Tutto questo in attesa che venga pubblicato un nuovo bando e quindi si possa trovare un gestore. «Eppure le condizioni del bando non sembravano particolarmente gravose – continua il commissario prefettizio –. A scoraggiare i potenziali gestori, forse, sono stati il prezzo previsto per il ritiro delle vecchie attrezzature del bar o, molto probabilmente, gli scarsi guadagni del precedente titolare». «Se non ci saranno offerte – continua Coretti – procederemo in tempi brevissimi con un nuovo bando, verso la metà di settembre. Per cercare di avere un gestore entro fine ottobre. Rivedremo alcune condizioni ma il canone di affitto dovrebbe restare uguale». Il bando andato deserto prevedeva un affidamento di nove anni: oltre all’offerta economica, per l’aggiudicazione valevano anche requisiti di carattere tecnico, ovvero il programma delle attività proposte e l’esperienza acquisita nella gestione di impianti sportivi. E contribuivano alla scelta anche le proposte di migliorìa della struttura, oggi piuttosto malmessa.

L’Eco di Bergamo

Alberghi, Ristoranti, Trattorie, Bed and Breakfast San Giovanni BiancoFotografie San Giovanni BiancoEscursioniManifestazioniCartoline antiche