Si tratta del terzo interessante volume “Percorsi” – l’inedito Cronicon di don Lorenzo Dossi, curiosità e ricordi – edito a cura dell’Amministrazione comunale di San Pellegrino Terme. Dopo il successo ottenuto dal primo volume apparso nell’anno 2000, una seconda edizione scritta nel 2005, con l’interessamento di molte persone che hanno reso disponibile la reperibilità di notizie, e tant’altro ancora. Ora questa terza edizione, che come per gli altri due volumi, ha dato vita a tanti ricordi di generazioni passate, suscitando interesse che supera la mera curiosità e raggiunge nell’intimo il desiderio di riconoscersi e conoscersi. In particolare, afferma l’autore, si è dedicato alla trascrizione della “Storia della Parrocchia”, opera della quale si era cimentato don Pietro Minossi nell’arco di 14 anni; nello specifico si è accorto che negli anni 1944/45, l’allora parroco don Lorenzo Dossi, non pubblicò quanto si riferiva agli avvenimenti del periodo bellico ed alla “Liberazione” che visse la cittadina di ed in prima persona lui stesso.

Ma tenne un diario dal titolo: “Cronicon”, forse con l’intento di divulgarlo al termine degli eventi bellici, ma che non avvenne, ed il “Cronicon” rimase dimenticato nell’archivio della Parrocchia. “Rilevai – ha dichiarato Epis, – che portava notizie interessanti relative al periodo della seconda Guerra Mondiale, in particolare sui fatti della “Liberazione”, che don Dossi aveva gestito personalmente trattando con i partigiani e con la controparte allo scopo di ottenere una resa che avvenisse senza spargimenti di sangue. Per me, fu evidente che sarebbe stato di grande interesse ed accrescimento rendere pubblico quanto riportato dal “Cronicon”, magari arricchito di riflessioni ed altre notizie relative a quel periodo.”

Il racconto di don Dossi che apre il volume, parte dai giorni del suo insediamento nella comunità con riferimenti alla vita parrocchiale per poi entrare nel vivo della storia civile nazionale di quei giorni così intensi per il nostro Paese. Questa terza edizione è stata inoltre l’occasione per proporre al lettore qualcosa di inedito come alcune foto tra le quali quella di gitanti a San Terme nel 1894, la sequenza fotografica della frana al Teatro del Casinò del 1928, le foto del prima della chiusura definitiva, altre sulla dismessa Ferrovia della Valle Brembana e tante altre ancora provenienti da collezioni, da privati e dall’archivio del fotografo sanpellegrinese Liborio Patti.

Enzo Novesi

Hotel, Alberghi e Appartamenti San Pellegrino TermeFotografie San Pellegrino Terme
EscursioniManifestazioniI Tesori del LibertyCartoline antiche