Carnevale di ValtortaSe la maggior parte dei paesi della Brembana ha concluso le feste di così non è per alcuni centri dell’alta valle Brembana, quelli che un tempo erano assoggettati alla Pieve di Primaluna, in Valsassina: hanno ancora, infatti, la possibilità di fare riferimento al rito ambrosiano che prolunga il fino al sabato successivo al martedì grasso. Tra questi paesi c’è Valtorta dove, domani, si celebrerà il Carnevale come un tempo. È tradizione molto antica questo Carnevale.

La festa valtortese, infatti, si caratterizza per personaggi e maschere antiche realizzate in legno e pelle di capra (pezzi unici, alcuni di recente realizzazione, altri tolti dai cassettoni delle nonne). Affossata come è in una profonda conca circondata da boschi e sovrastata dalle montagne orobiche, la tradizione mantiene qualcosa di magico che si traduce o concretizza nelle antiche maschere.

Qualche folletto potrebbe ancora albergare nel fitto dei boschi; e, perciò, nessuna meraviglia se compare all’improvviso ai margini dei pascoli per unirsi ai personaggi umani: ed ecco «ol diaol» e i «furchetì», vestiti di rosso, che vanno a incontrarsi col «vecio», la «egia», il «barba» o zio celibe, e le «mede» o zie zitelle, tutte maschere grottesche che, comunque, lasciano trasparire un che di severità montanara e contadina. È la mitologia che si intreccia con la storia di una comunità che ha saputo mantenere il passato pensando e costruendo il futuro. Un Carnevale quello di , diverso, dunque, dai tanti che si ripetono in altri paesi; una rappresentazione grottesca della realtà del passato che continua a vivere nella quotidianità della vita agricola.

Accompagnato da allegre musiche, eseguite dal gruppo «I amis dè Dosena», il corteo va di contrada in contrada, accolto dai contradaioli che offrono antiche leccornie locali, per concludere la manifestazione sul sagrato della chiesa. Un ultimo girotondo e poi i folletti spariscono nei boschi e le antiche famigliole contadine tornano nelle cascine. Il Carnevale di Valtorta si concluderà con la serata folk in palestra organizzata dal gruppo Maschere e dal Comune di Valtorta, con cena e animazione.

Carnevale di Valtorta

Seguono il rito ambrosiano anche i Carnevali che si svolgeranno negli altri paesi delle valli d’Averara e Stabina. Stasera, per iniziativa dell’Acli, ci sarà una festa al di : alle 19 sarà aperto il servizio ristoro e dalle 21 inizierà la festa con musica dal vivo, ballo e intrattenimento. Durante la serata saranno, inoltre, premiate le maschere più belle.
Santa Brigida festeggerà il Carnevale domani. Tema della sfilata sarà L’Arca di Noè e i partecipanti si ritroveranno alle 14,30 al campo sportivo parrocchiale. Ad Averara una sfilata per le vie del paese animerà il pomeriggio di domani con ritrovo alle 14,30 ai portici all’ingresso del paese. Seguiranno rinfresco e animazione all’ex materna.

A Cassiglio è tutto pronto per la sfilata di domani che vedrà parte attiva i commercianti del paese: il bar Terry, l’Ostello comunale e il bar Caseì saranno, infatti, le tappe di ristoro per le maschere che parteciperanno al corteo, con ritrovo alla chiesa alle 14,30. Le maschere di Ornica si riuniranno invece alle 14,30 all’oratorio. Dopo la sfilata il rinfresco nel salone parrocchiale. «Scia in maschera a Piazzatorre» è, infine, la manifestazione organizzata dall’Ufficio Turistico di Piazzatorre, sempre domani. Appuntamento alle 10 al rifugio Gremei. A seguire festa in musica con dj Zac, il pranzo e la premiazione della maschera più bella.

Sergio Tiraboschi – Arizzi – L’Eco di Bergamo

Immagini, del Carnevale di Valtorta:
Carnevale 2003Carnevale 2005 Carnevale 2006Carnevale 2007Carnevale 2008

Alberghi ristoranti e pizzerie a Valtorta
Fotografie immagini di Valtorta
Escursioni sui sentieri di Valtorta