San Pellegrino Terme – Il gruppo consigliare di minoranza “Uniti per Cambiare” di – tramite la voce del suo capogruppo Raffaella Sonzogni – si interroga sullo stato di attuazione dell’Accordo di programma per lo e termale del paese orobico, sottoscritto a gennaio 2007. In particolare il gruppo di minoranza si rivolge al sindaco Vittorio ed al – responsabile dell’attuazione del programma di sviluppo – per trovare delle risposte per quanto riguarda i ritardi e la conseguente ricaduta negativa sul piano economico e di immagine per San .

“In particolare, rileviamo e stigmatizziamo l’inaccettabile mancata realizzazione delle nuove Terme pubbliche, dopo la chiusura, da oltre quattro anni, delle vecchie terme” spiega Sonzogni nella missiva inviata al sindaco per parlare della situazione “Occorre procedere, rapidamente, alla riapertura del settore termale e della cura idroponica, storicamente nostro patrimonio”. Inoltre, il gruppo di minoranza sottolinea “la necessità di un serio ripensamento sulla collocazione delle Nuove Terme e soprattutto sulla necessità di salvaguardia dell’edificio storico delle vecchie terme e dell’antica e prestigiosa sala bibite”. Sulla base di queste considerazioni, la minoranza invita ad una riflessione condivisa con la maggioranza ed il Gruppo Percassi, in modo da costruire un valido processo di trasformazione di San Pellegrino, che “necessita, innegabilmente, di una visione globale e non settoriale dei problemi, al fine di garantire una elevata qualità dell’offerta turistico – termale, che è l’unico elemento o ‘volàno’ di reale sviluppo, per il nostro turismo termale. Sottolineiamo che tale sviluppo dovrà coniugare anche la tutela del patrimonio pubblico e privato, connotato da vincoli monumentali e/o paesaggistici e ciò deve essere esattamente compreso anche dal privato attuatore dell’Adp, che andrà, in tal senso, indirizzato”, pur nella considerazione dell’attuale congiuntura economica e finanziaria che però non deve mettere in secondo piano l’importanza del bene di San Pellegrino.