Camerata Cornello – Circa 200 esemplari di piccole trote fario sono stati trovati morti nel ieri mattina a , sotto il ponte per la frazione Portiera. La moria sarebbe dovuta a cause naturali, ma non si esclude che qualcuno abbia svuotato nelle acque un secchio contenente qualche sostanza dannosa. A segnalare l’accaduto, la guardia volontaria della Fisps Marco Tassi, che in un controllo di routine ha visto nell’ansa del Brembo un gruppetto di novellame di trota fario morto, probabilmente già da una settimana. Tassi ha informato la Provincia, che ha inviato i suoi agenti per far luce sull’accaduto.

I pesci, lunghi dai 6 ai 9 centimetri e del peso complessivo di non più di tre chilogrammi, erano in avanzato stato di decomposizione. Non si tratta, quindi, di un evento recente; alla luce di questo particolare non è stato necessario il sopralluogo né dell’Asl, né dell’Arpa, poiché l’esame sugli esemplari era impraticabile.

Si è trattato di una moria localizzata (sulla sponda sinistra del Brembo all’altezza del ponte per Portiera) e riguardante solo i piccoli di trota fario. Gli esemplari più adulti e il resto della e della flora del fiume non hanno avuto problemi. Da qui l’ipotesi che si possa essere trattato di un evento naturale oppure circoscritto a uno sversamento temporaneo di sostanze nocive.

Silvia Salvi – L’Eco di

Alberghi, Ristoranti e AppartamentiFotografie Camerata CornelloEscursioniManifestazioniCartoline anticheIl Borgo del Cornello dei TassoIl Borgo del BrettoMuseo dei Tasso