Moio dè Calvi – Donato , ricordo in musica a Moio per l’illustre letterato. Musiche seicentesche, in onore di un cittadino illustre. È in programma sabato 17 agosto alle 21 nella chiesa parrocchiale di San Mattia apostolo a Moio de’ l’elevazione «Celeste Armonia», proposta da Fabio Piazzalunga, all’organo, e Fabio Brignoli, alla tromba. La serata apre le celebrazioni a ricordo del IV centenario della nascita di padre Donato , fra le figure più significative della cultura del Seicento.

Racconti di vita quotidiana «L’opera di questo illustre moiese – sottolinea il sindaco Davide Calvi – è segnata dalla volontà di raccontare la storia attraverso gli episodi la quotidianità delle e delle comunità, che segnalano il mutare nei secoli di socialità e costumi. Ci piace pensare che ancor oggi Moio sia in questo senso un osservatorio privilegiato». Donato Calvi fu filosofo, teologo, storico e poeta. Nacque l’11 novembre 1613 e fu vice-principe dell’Accademia degli Eccitati. Diede alle stampe venti opere di vario genere: storiche, letterarie, artistiche e sacre. Fra i suoi lavori più celebrati la «Scena letteraria degli scrittori bergamaschi» del 1664 e, soprattutto, le celeberrime cronistorie nelle quali illustra le vicende della Bergamasca. Uno storico appassionato La più famosa è l’«Effemeride sacra profana di quanto di memorabile sia successo in », pubblicata per la prima volta nel 1676 in tre volumi, all’interno dei quali le informazioni sono ordinate cronologicamente per gruppi di mesi.

Un’opera destinata ad essere ancor oggi punto di partenza essenziale per qualsiasi lavoro di ricerca storica locale. Padre Donato Calvi morì il 6 marzo 1678. Il concerto di questa sera a Moio proporrà musiche del periodo in cui visse il letterato brembano. Alle sonorità del settecentesco organo Bossi Foglia, restaurato nel 2006 dall’organaro Pietro Corna di Casnigo), faranno da contraltare le note della tromba, in un abbinamento classico per il Seicento. Alla tastiera si esibirà Fabio Piazzalunga, che vanta un curriculum pianistico di alto livello (anche al Conservatorio di Stato di Vienna) e dal 2008 è direttore del Coro Filarmonico di Brescia. Docente al Conservatorio Donizetti in città, è organista della Chiesa valdese protestante di Bergamo e lavora per produzioni televisive Rai e Mediaset. Fabio Brignoli ha appreso l’arte della tromba dai maestri Migliardi e Orlandi.

Legato alla Filarmonica Mousiké, ha vinto concorsi nazionali e internazionali. Ha suonato nei maggiori festivals jazz, al fianco di solisti del calibro di Gianluigi Trovesi, Paolo Fresu e Tino Tracanna. Nel 2004 ha pubblicato il cd «Trumpetunia» con un proprio quintetto, mentre nel 2102 ha realizzato il cd «Filastorta e altri racconti» legato alle musiche di Thelonius Monk. Il concerto di Moio proporrà musiche di Clarke, Frescobaldi, Haendel, Torelli, Buxtheude, Purcell e Charpentier.

Gianbattista Gherardi – L’Eco di Bergamo