I bambini della primaria di premiati per il loro slogan pubblicitario. Dal dire al fare: dopo le presentazioni del tema di Cartolandia edizione 18 («E adesso pubblicità: incanti e misteri di un mondo a colori») i bambini della scuola primaria «» di Lenna – guidati da una fedelissima delle nostre iniziative come Amabile Arnoldi – hanno messo in pratica il nostro invito. Il risultato è stato un poster dedicato al formaggio di monte e uno slogan quanto mai azzeccato: «Parola dei bambini della scuola primaria di Lenna… mmm che bontà…è pura verità… perché si sposa con… genuinità».

Bello vero? Seguite il loro racconto. Mmm… che bontà! Con questo slogan i bambini della scuola primaria di Lenna hanno creato un originalissimo poster per pubblicizzare il formaggio di monte. Sullo sfondo il cielo azzurro, le montagne con le cime innevate e i prati verdi e fioriti della Valle . In primo piano su un sentiero sassoso, fa bella mostra di sé una simpatica mucca e tra l’erbetta spicca una forma di formaggio col marchio Ftb (formaggio tipico di ). È la mucca stessa che lancia il messaggio pubblicitario con il suo «mmm…che bontà» invogliando tutti ad assaggiare il formaggio che i nostri allevatori producono in alpeggio ogni estate.

Con questo manifesto abbiamo partecipato e vinto il concorso indetto tra le scuole dal consorzio di San Matteo della latteria sociale di Branzi dal titolo «Alla scoperta della Valle Brembana e dei formaggi di San Matteo». Come premio siamo stati ospiti della Fiera di San Matteo a Branzi che si è svolta dal 26 al 28 settembre nel paese dell’alta . Come ogni anno ,durante la manifestazione, vengono premiati ad esempio i mungitori più esperti, si elegge la «Regina» tra le mucche e negli stand annessi si possono degustare i prodotti tipici della valle, non solo formaggio, ma anche miele.

Noi abbiamo avuto l’opportunità di seguire tutto il procedimento dalla mungitura fino alla stagionatura del formaggio. È stato molto interessante e divertente raccogliere nei bidoni il latte appena munto, trasportarlo in groppa agli asinelli fino alla malga dove il casaro ci attendeva per versarlo nella «coldera» , provare a rompere la cagliata, versarla nella «fasera», vedere come nasce il formaggio e come si stagiona. Non di meno ci è piaciuto molto gustare la che ci è stata offerta con il «»! Interessantissimo è stato anche il momento con l’apicoltore, il signor Lanfranco Pedretti di Branzi, che ci ha mostrato un’arnia con le api al lavoro e come avviene la smielatura.

Il miele colava copioso dai favi, noi guardavamo affascinati con l’acquolina il bocca, così per deliziare i nostri palati l’apicoltore ci ha fatto assaggiare il miele nei favi, che golosità! Ci ha detto che il suo è il mestiere più bello del mondo! Il miele è un ottimo alimento che fa bene a grandi e piccini. E per dei golosoni come noi…che gioia, ricevere in omaggio un bel vasettino di miele da portare a casa. È stata una bellissima giornata!

Scuola primaria «Mauro Codussi», Lenna – insegnante Amabile Arnoldi

Hotel, Alberghi e Appartamenti BranziFotografie Branzi