Olmo al Brembo – Sta creando disagio e malumori tra i residenti la chiusura ’ufficio postale di . Un disservizio che interessa anche gli altri paesi del ramo ovest ’alta e i turisti. «Forse occorre che qualcuno controlli la situazione, la magari potrebbe fare il punto della situazione del servizio», spiega il vicesindaco Carmelo Goglio. «Ci siamo trovati affissi alla porta ’ufficio un cartello che indicava giorni di chiusura straordinaria il 20, 22, 28 e 31 – dice Goglio –. Sommati ai restanti giorni di normale chiusura festiva, significa che dal 20 a Capodanno l’ufficio rimarrà aperto soltanto, forse, quattro giorni. Penso sia una situazione piuttosto sconcertante, una mancanza di servizio non giustificabile.

Non so se si tratta carenza di organico, un turn over, sta di fatto che non riesco a capire quali siano le priorità di Poste italiane e non accetto che in un periodo di particolare affluenza turistica possano concedersi di chiudere un ufficio che è un punto di riferimento per l’alta Brembana in quanto è l’unico rimasto che dovrebbe restare aperto tutti giorni della settimana, mentre in altri paesi a monte l’apertura è a giorni saltuari. È un brutto biglietto da visita per la . E non mi stupirei di trovarlo chiuso anche il 27 dicembre: sempre più spesso di recente è capitato che la gente trovasse un biglietto affisso alla porta, la mattina alle 8, dove si annunciava, per cause imprecisate, che non apriva. La chiusura per diversi giorni mette in ridicolo il territorio. Per la nostra situazione di servirebbe forse che qualcuno come la Comunità montana facesse un punto della situazione su come viene svolto il servizio postale nella nostra valle».

Silvia Salvi – L’Eco di