Santa Brigida – Una volta al mese Sauro Regazzoni e altri tre amici saltavano in sella alla moto da trial e facevano lunghi giri panoramici in . Purtroppo quella di ieri, è stata l’ultima gita per Regazzoni: mentre, verso le 11, si trovava a circa 1.800 metri di quota, in località Serrata, il centauro è stato colto da un malore che non gli ha dato scampo. Nonostante il pronto intervento del medico con l’elisoccorso, per Regazzoni non c’è stato più nulla da fare. «Siamo partiti di buon mattino – racconta Daniel, uno dei tre amici che lo accompagnavano ieri mattina – abbiamo lasciato e ci siamo diretti verso la zona del Mincucco, ma arrivati in località Serrata ci siamo fermati per riposarci e scattare alcune quando lui ha avuto il malore».

Avrebbe fatto in tempo ad avvisare i compagni di avventura che gli girava la testa e sentiva un forte dolore al petto manifestando anche l’intenzione di prendere un medicinale. Ma non ne ha avuto il tempo: improvvisamente Sauro è collassato a terra. «Abbiamo chiamato subito il 118 e sul posto è arrivato l’elisoccorso – racconta ancora Daniel – il personale ha cominciato le manovre di rianimazione, che sono durate per oltre mezz’ora. Ma per il nostro amico non c’è stato più niente da fare». «Ha sempre avuto la passione per la moto da trial – ricorda ancora l’amico – una volta al mese ci trovavamo per fare queste gite mattutine. L’anno scorso aveva venduto la sua moto per acquistarne una nuova a distanza di pochi mesi».

«Siamo tutti scossi per quel che è successo a Sauro – dice il sindaco di Santa Brigida, Carluccio Regazzoni – aveva solo 47 anni ed era conosciuto in paese. Non era la prima volta che andava a fare il giro in montagna con il trial e gli amici. Sapevo che soffriva di pressione alta, ma non ho mai sentito di precedenti malori, e poi era così giovane. La baita dove si è fermata la comitiva, si raggiunge passando da Caprile Alto, prendendo il verso il Mincucco». L’elicottero del 118 ha trasferito la salma del 47enne dalla baita in alta montagna al cimitero di Santa Brigida, nella camera mortuaria, dove sono arrivati i familiari, gli amici rientrati in moto, il sindaco, i e il medico per la visita di rito prima di ricevere il nulla osta alla sepoltura. I funerali saranno celebrati domani alle 15, partendo dall’abitazione di via .

Silvia Salvi – L’Eco di