Serina – Venti posti letto per pazienti con disagi psichici, anche da ospedale psichiatrico giudiziario e 15 posti per la riabilitazione di affette da cerebropatia, per ictus o traumi cranici derivanti da incidenti. Sarà un centro d’eccellenza sanitaria quello che verrà inaugurato giovedì, alle 17,30, nell’ex casa vacanze delle Suore adoratrici, a di . Voluto dall’Amministrazione comunale guidata da Michele Villarboito (Lega), il servizio è considerato di prim’ordine dalla direttrice generale dell’Asl di , Mara Azzi: «Entrambi i centri rappresentano sicuramente delle eccellenze – dice – in particolare quello per la riabilitazione psichiatrica, specializzato anche per pazienti provenienti da ospedale psichiatrico giudiziario, quindi struttura unica nella .

Una volta dimessa dall’ospedale qui la persona potrà cercare di reinserirsi nella vita e avviarsi al lavoro». «Ma anche il centro per i traumatizzati cranici costituisce un servizio fondamentale – continua Azzi – come struttura di riabilitazione e di sollievo per gli stessi familiari. E, per entrambe le specializzazioni, le richieste sono alte». Il centro per malati psichiatrici sarà gestito dalla cooperativa «La Bonne Semence 2» già operante con un servizio identico a , mentre il centro per traumatizzati sarà dalla cooperativa «Progettazione» di Pedrengo.

«Serina aveva tutti i requisiti per poter concretizzare un piccolo sogno: costruire una centro socio-assistenziale con le caratteristiche di una vera e propria clinica svizzera – dice il sindaco –. È stato un percorso difficile, per certi aspetti quasi impossibile, ma ci siamo riusciti. È l’inizio di un percorso dalle grandi potenzialità: nel progetto saranno coinvolte alcune facoltà universitarie per promuovere studi e tirocini. Il nuovo centro socio sanitario darà maggior lustro alla nostra comunità. Una struttura che farà conoscere la nostra località non solo dal punto di vista turistico ma anche come luogo ideale per la riabilitazione del corpo e la cura della mente. E in un prossimo futuro il numero dei posti letto potrebbero aumentare in considerazione delle enormi liste di attesa. Con la messa a regime la nuova struttura darà lavoro a 30 persone».

Dopo un anno di lavori, costati tre milioni di euro, a carico della cooperativa «La Bonne Semence 2» (con i supporto finanziario della Banca di credito cooperativo di ), la struttura ospita già i primi pazienti.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di Bergamo

Hotel, Alberghi e Appartamenti SerinaFotografie Serina
Escursioni a SerinaManifestazioni ed eventiCartoline antiche di Serina