costa-serina

<Costa Serina – Per quest’anno come segno di rispetto verso la difficoltà di tante famiglie colpite dalla crisi economica rinuncerà alle luci natalizie. La decisione è stata presa dall’Amministrazione comunale (lista «Pensare comune») ed è stata illustrata nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale e in una lettera inviata alla cittadinanza nella quale si fa anche il punto della situazione a distanza di sei mesi dalle elezioni. «La diminuzione delle risorse a disposizione – si legge nella lettera – e la consapevolezza dei sacrifici di molte famiglie ci ha spinti a una scelta di sobrietà per queste feste. Riteniamo infatti che in un momento globale di difficoltà che spinge tutti verso provvedimenti di austerità economica sia importante orientarsi a una maggiore e accorta gestione della spesa pubblica tanto da decidere di dare un significativo segno e non ricorrere, per quest’anno, all’apposizione delle luci di Natale».

Gli unici segni di festa, ha spiegato durante la seduta il sindaco Paolo Cortinovis, saranno la scritta «Buone feste» posizionata all’ingresso di ognuna delle quattro frazioni e l’albero di Natale in piazza Fra Cecilio nel capoluogo. La decisione è stata criticata dalla minoranza, la lista «Verso il futuro»: «Non sono d’accordo con questo provvedimento – ha spiegato il consigliere di opposizione Fausto Dolci –. Non capisco dove stia il risparmio: se esistessero concreti bisogni io sarei disposto a rinunciare al gettone di presenza e con me tutta la lista.

Ritengo però che si debbano installare le luminarie come segno del Natale». «Sarebbe stato – ha aggiunto il consigliere di minoranza Luigi Cortinovis – coinvolgere la popolazione prima di assumere questa decisione. Magari sarebbero nate idee alternative o si sarebbero potute organizzare altre iniziative. Credo che i segnali si potevano dare anche in altro modo come per esempio installando luci a basso ». «Non è una decisione demagogica – ha replicato il sindaco Cortinovis – ma è un solamente un segno per quest’anno, vista la crisi in atto. L’acquisto di nuove luci più economiche non è attualmente possibile mentre per il prossimo anno penseremo a come operare». Economicamente il risparmio per le casse del Comune sarà poco superiore ai 4.500 euro.

Davide Cortinovis – L’Eco di