LENNA – C’è chi, oltre che con il terremoto, nella notte tra lunedì e ieri ha dovuto fare i conti con i ladri, che hanno fatto visita a ben sei aziende di , in alta Brembana. Nonostante il vero e proprio diluvio in corso e i movimenti tellurici di terre vicine, alcuni malviventi hanno infatti sfidato il destino e si sono introdotti in tre aziende per la lavorazione del legno e tre industrie meccaniche che si trovano nella zona industriale del paese. Il quartiere, che ospita una ventina di piccole industrie che non superano mediamente i 10 dipendenti ciascuna, si trova in una zona isolata fuori dal centro abitato nella via non a caso chiamata Delle industrie.

Il bottino dev’essere stato comunque magro per i ladri, in quanto non si sono interessati a macchinari e attrezzature, quanto piuttosto a contanti che potevano trovare negli uffici. «I danni sono ancora da quantificare – spiega il maresciallo Giovanni Martelengo, della stazione dei di , che ha raccolto le denunce dei titolari – ma fortunatamente sembrerebbe mancare solo il contante contenuto nelle macchinette di ristoro (per snack, acqua e caffè, ndr) che si trovano all’interno delle aziende. Non dovrebbe essere stato asportato nient’altro, per cui i danni economici sarebbero limitati. A questi si sommano però i danni causati dall’effrazione: i malviventi, infatti, per entrare hanno dovuto forzare porte o finestre». Le aziende avevano chiuso regolarmente i battenti la sera precedente. Ieri mattina, alla ripresa dell’attività, l’amara scoperta.

L’Eco di