Una volta le vacanze duravano mesi: ora al massimo 15 giorni. Presenze stabili rispetto al 2008. «Più lavoro nei weekend. Alta Valle BrembanaSe proprio dobbiamo essere sinceri, il flusso turistico del mese di luglio in alta Valle non ha fatto registrare l’impennata che molti attendevano e le speranze di un lavoro proficuo slittano ora al mese di agosto.

Disagi per il traffico
Qualcosa si è mosso indubbiamente, concentrando però le presenze soprattutto nel fine settimana, con gli ancora irrisolti disagi del traffico lungo la valle. Anni fa – dice Pietro Mainetti, presidente del Consorzio – le vacanze delle famiglie duravano tre mesi, dalla fine della scuola alla fine di agosto. Poi i soggiorni si sono ridotti a due mesi, poi a uno e ora siamo arrivati a un paio di settimane al massimo». Nonni e bambini affollano soprattutto nel fine settimana le case e gli di Roncobello. Sostanzialmente non avvertiamo un grosso calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno – dice Corrado Milesi, presidente della Pro loco -. È sempre forte il passaggio di escursionisti diretti verso l’imbocco dei sentieri per raggiungere le nostre splendide montagne». A e , nei fine settimana di luglio e per tutti i giorni dall’1 al 23 agosto, sono in funzione le seggiovie per la salita in quota. Già negli scorsi fine settimana sono stati molti i turisti che hanno usufruito del servizio per potersi concedere una passeggiata in quota o un pic-nic.

Più o meno l’andamento è quello del 2008 – dice Jessica Monaci, titolare del ristorante “Old Fox” a Isola di Fondra -. Un buon segnale è quello che alcune famiglie con bambini hanno acquistato casa qui nella zona. È positivo, perché i proprietari degli appartamenti acquistati negli anni ’70 ora sono anziani e frequentano molto meno la valle. Così le case restano chiuse per molti mesi. È necessario un ricambio generazionale che comincia a fare i primi passi».

Giovani in piscina
Sono soprattutto i giovani a frequentare invece le piscine. Ad Olmo al Brembo, al comunale con piscina scoperta e campo di calcio, le presenze sono buone, tempo permettendo naturalmente, ma le proposte non mancano: il seguitissimo torneo di calcio e le lezioni di acquagym, già comprese nel biglietto di ingresso, al sabato e alla domenica. Sfogliando il calendario delle manifestazioni vallari, sono più di mille le iniziative che animano i mesi estivi.

«È bene dare atto ai Comuni e alle Pro loco – dice Silvano , l’assessore al Turismo della – dell’impegno con cui hanno dato vita a un calendario completo e mirato ai gusti e alle preferenze degli ospiti». All’Albergo Coira di Santa Brigida, l’unica struttura presente in paese, aperto nel dicembre scorso, tutto prenotato nel mese di agosto. Luglio se n’è andato un po’ in sordina, con soggiorni anche di soli tre giorni e si è registrata anche qualche presenza dalla Francia e dalla Germania. Sempre più spesso capita di incontrare stranieri in alta valle, provenienti soprattutto dal Nord Europa. Al Camping di sono giunti turisti tedeschi, che si sono dedicati soprattutto al trekking, e francesi che hanno preferito le escursioni in bicicletta e la visita ai luoghi artistici della provincia.

Contatti su Internet
Giovani stranieri, richiamati dai percorsi montani del sentiero delle Orobie, hanno fatto sosta all’Ostello di , dove hanno soggiornato anche turisti inglesi, svedesi e belgi. «Vengono a conoscenza del nostro territorio e dei servizi che offriamo – spiega il gestore Paolo Passera – attraverso il web, e abbiamo una clientela molto varia, gruppi, famiglie, giovani e anziani». La presenza in rete è divenuta ormai indispensabile per raggiungere potenziali turisti in ogni parte del mondo e per rendere facili le richieste di informazioni e le prenotazioni. Qualche ulteriore passo in questo senso la valle lo deve ancora fare, ma l’imprenditoria giovane che sta investendo con coraggio nel turismo in valle sarà probabilmente l’artefice in futuro di una nuova pagina economica per la valle.

Monica Gherardi – L’Eco di Bergamo