Valle Brembana – Lo chiamano «oro rosso», così raro, prezioso e costoso. Nel giro di qualche mese potremmo trovarlo anche coltivato in Valle Brembana. È lo zafferano, pianta che entra in tanti piatti, a iniziare dal famoso risotto alla milanese. L’idea è della Valle Brembana che ha avviato una collaborazione con l’Istituto agrario di Bergamo, di via Borgo Palazzo, e il Comune di , dove sarà individuato il terreno per la coltivazione. Per ora si tratta di una sperimentazione, ovvero si dovrà verificare la fattibilità della coltivazione. Certo è che l’idea di coltivare «zafferano brembano» è alquanto originale e pare aver entusiasmato gli attori finora coinvolti. Di sicuro sarebbe la prima produzione commercializzabile di zafferano della .

A seguire il progetto è l’assessore all’Agricoltura della Orfeo Damiani: «È un tipo di coltivazione per noi nuova – dice – che, se dovesse andare a buon fine, potrebbe però rappresentare una buona opportunità di lavoro. In , a parte qualche sporadico tentativo di privati a Zogno, non si sa di coltivazioni passate o presenti di zafferano». «A breve approveremo in Giunta l’accordo con l’Istituto agrario di Bergamo che si è dimostrato entusiasta nel partecipare alla sperimentazione – prosegue Damiani –. Sarà la scuola a realizzare il progetto, dall’analisi del terreno scelto per la coltivazione alla semina fino alla raccolta finale». «In pratica faremo da partner tecnico all’agricoltore che coltiverà il terreno – dice il preside Benvenuto –. Una classe di quarta o quinta, coadiuvata da due insegnanti, si prenderà carico di studiare le fasi del progetto che inizierà a settembre. Innanzitutto dovremo verificare l’idoneità del terreno scelto a Dossena».

Perché proprio lo zafferano? «Secondo noi il terreno di Dossena si presta bene alla coltivazione – aggiunge Damiani –. Ha le stesse caratteristiche di quello de L’Aquila, dove è diffuso: un’area asciutta e in pendenza, dove l’acqua non ristagna, come vuole questo tipo di pianta. Inizieremo a preparare il terreno, in attesa che gli studenti, a settembre, realizzino il progetto». E non è detto che lo zafferano brembano entri poi in qualche nostro formaggio, di vacca o di capra, a rendere ancora più caratteristico il prodotto tipico. «Stiamo individuando terreno e agricoltore per avviare la produzione – dice l’assessore al Territorio di Dossena Fabio Bonzi –. Se la sperimentazione avrà successo sicuramente si cercherà di abbinarlo a qualche prodotti tipico della nostra valle».

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di Bergamo

Agriturismo, Bed and Breakfast, appartamenti a Dossena
Fotografie immagini di Dossena
Escursioni sui sentieri di DossenaManifestazioni ed eventi a Dossena