Presentato il bilancio di previsione dell’esercizio 2010 dell’Ente della Brembana. Nonostante le diffi coltà predisposto un programma molto articolato e impegnativo. Il bilancio di previsione dell’anno 2010 approvato dalla Brembana, presenta una situazione economico-fi nanziaria generale restrittiva ed in continua evoluzione a seguito dei numerosi tagli introdotti nell’ultimo triennio da varie disposizioni normative; in particolare la Finanziaria 2010, ha sancito l’azzeramento defi nitivo dei contributi statali a favore della Comunità Montane.

Questo è stato confermato dall’assessore al Bilancio-Personale e Servizi Associati Ambrogio Quarteroni. Un effetto devastante per le Comunità Montane, che con le restanti risorse disponibili non sarebbero state in grado di garantire le seppur minime coperture delle spese indispensabili per il funzionamento: personale, utenze, capitale/interesse e mutui, amministrative, istituzionali ecc. La Regione ha pertanto concesso un contributo straordinario per il 2010 alle Comunità Montane lombarde, determinando per la Valle Brembana in euro 380.512.29, che consentono di predisporre il bilancio di previsione del corrente esercizio.

Le scelte amministrative parsimoniose attuate in precedenza hanno consentito, grazie all’avanzo di amministrazione, di predisporre un bilancio che complessivamente permette di garantire il fi nanziamento di funzioni-inziative proprie della Comunità Montana e di competenza dei singoli assessorati. “L’auspicio,- afferma Quarteroni, – è che a livello nazionale e regionale vengano definitivamente individuate le modalità di fi nanziamento degli enti montani, per consentire alle amministrazioni di predisporre una adeguata programmazione di mediolungo periodo, in grado di supportare i piccoli Comuni montani e contribuire ad incentivare la permanenza di questa popolazione a presidio di un territorio sempre più fragile ed in lento progressivo abbandono.”

Assessorato: Agricoltura, Foreste, Parchi, Caccia e Pesca: assessore Orfeo Damiani
Descrizione del programma di tre distinti progetti: Agricoltura e Zootecnia- Foreste ed Ambiente-Operai forestali e servizi manutentivi per i Comuni. Il primo progetto è fi nalizzato a far si che le aziende agricole possano raggiungere standard ottimali di igienicità del prodotto e gestione delle stalle, particolare attenzione alle problematiche degli investimenti nelle aziende agricole, per il raggiungimento dei requisiti igienico-sanitari, della sicurezza, produzioni tipiche, approvvigionamento idrico degli alpeggi ed all’adeguamento delle strutture, considerando la possibilità di introdurre inoltre teleferiche e gru a cavo per l’agevolazione dei trasporti dei prodotti in Alpe. Erogazione servizi di consumo: Valorizzazione dell’Agricoltura in montagna mediante le azioni finanziate da specifi che leggi di settore- Predisposizione di bandi e rapporti con le associazioni-Istruttoria delle pratiche inerenti i contributi agli imprenditori agricoli ed agli Enti pubblici. Interventi a sostegno dell’Agricoltura in montagna: Le misure previste dalla sono: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole-. Miglioramento della produttività e funzionalità degli alpeggi e pascoli montani. Riqualifi cazione e modernizzazione dei processi di trasformazione, conservazione e commercializzazione delle produzioni agro-zootecniche, in particolare il settore lattiero-caseario. Manutenzione delle aree boscate e di piccole opere si sistemazione idraulico-sanitarie Servizi di interesse collettivo prestati dagli operatori agricoli di montagna, contratti di prestazioni territoriale ed ambientale. Interventi nel settore Agricoltura: Contributi alle manifestazioni zootecniche: La Comunità Montana sostiene l’organizzazione di fiere zootecniche locali, quali iniziative di tradizioni consolidate, volte alla valorizzazione del settore zootecnico ed alla e culturale del territorio vallare. Ed ancora: Interventi di manutenzione forestale-Aiuti al settore forestale n°475/2009- Misure forestali e sistemazione idraulico-forestali-(Consorzi forestali ed Enti pubblici)-Personale adibito a servizi manutentivi per i Comuni.

Assessorato ai Lavori Pubblici- Attività Produttive: assessore Gianni Salvi
La Comunità Montana Valle Brembana, non ha predisposto il POP 2010-2013 poiché in questo periodo non vi sono disponibilità economiche da poter investire in opere signifi cative, l’impegno in questo settore pertanto è indirizzato a: Elisuperfi cie di : “La situazione attuale è complessa e complicata, – afferma l’assessore Salvi,- a seguito dell’evento franoso e per le numerose cause in corso, per cui si sta cercando di sbrogliare la matassa.” Si è eliminato lo scontro con il Comune di , anzi nel rispetto dei rispettivi ruoli, si stanno cercando insieme possibili soluzioni alternative. Per portare a termine gli attuali lavori occorrerebbero altri 280mila euro, oltre a quelli già stanziati (1.120.900), più 510 mila euro già spesi per la sistemazione e messa in sicurezza della frana. Si sta cercando di creare presupposti per una soluzione alternativa, l’Azienda Ospedaliera ha già dato il proprio assenso, mentre il Comune ha espresso un parere positivo, si è ora in attesa che ciò si tramuti in un accordo istituzionale. Viabilità: la Comunità Montana ha presentato alla Provincia un elenco di problematiche legate
alla viabilità della nostra Valle, comprese le valli laterali, inoltre si è aderito al protocollo di intesa con la Provincia e tutti i Comuni interessati per l’implementazione dello studio di fattibilità per migliorare i problemi della penetrazione
del traffi co vallare in Bergamo.

Attività Produttive: In accordo con i principali attori del settore produttivo, con Confi ndustria come soggetto principale presenti sul territorio e con la partecipazione della Provincia e di tutti i soggetti politici, economici, sindacali e sociali vallari, partecipa vivamente alla formazione del progetto di sviluppo della Valle Brambana imperniato sulle seguenti direttrici: Attività Produttive- Turismo – Formazione-Informazione – Energia, progetto in via di perfezionamento che presto sarà presentato a tutti gli enti coinvolti. La Comunità Montana ha iniziato ad operare e si impegna allo sviluppo ed al coordinamento dei progetti dei 38 Comuni aderenti al Patto dei sindaci.

L’11 marzo 2010 a Bruxelles con la Direzione Generale dell’Energia della Commissione Europea, alla presenza del Direttore Generale dr. Fabrizio Barboso, è stato sottoscritto l’accordo di partenariato dove, primo caso in Europa, si riconosce pubblicamente la Comunità Montana Valle Brembana come attore principale del patto, ricoprendo il ruolo di struttura, supporto e di coordinamento per le Amministrazioni locali della Valle Brembana, sviluppando una stretta cooperazione con i Comuni stessi per implementare i programmi e le loro politiche ambientali traducendoli in progetti (SEAP) e, come tutti sanno, il 4 maggio u.s. i Comuni della Valle Brembana si sono recati a Bruxelles per la sottoscrizione di questo importante accordo; si è trattato un importante evento in cui la Valle Brembana ha dimostrato di essere una vera squadra.

Assessorato Protezione Civile-Ambiente/Ecologia-Politiche per la montagna assessore Enrico Sonzogni
Progetto: 1)-Attuazione LR 25/07, fi nalità da conseguire- Promuovere lo sviluppo vallare: Valorizzazione tracciati storici-Via Mercatorum-Progetto 2)-A.I.B- Protezione Civile-GEV, fi nalità: Investimento: realizzazione di opere necessarie al potenziamento delle infrastrutture per la lotta agli incendi boschivi. Erogazione servizi di consumo- Gestione squadre A.I.B .Interventi di Protezione Civile. Servizio Guardie Ecologiche Volontarie. Studio Idrogeologico Sottobacino Idrografico Fiume Brembo- Gestione Squadre A.I.B. Interventi in conto capitale. A.I.B. Interventi Infrastrutturali- Servizio Guardie Ecologiche Volontarie-Interventi in conto capitale- “Dal punto di vista del mio assessorato, – afferma Sonzogni,-questo bilancio nonostante il momento di crisi, penso sia positivo, si è cercato si mettere le poche risorse dove veramente c’è bisogno per migliorare i servizi da parte delle nostre Guardie Ecologiche Volontarie, dei nostri Gruppi Antincendio Boschivo e per il nuovo Gruppo Intercomunale di Protezione Civile. Le Amministrazioni che hanno aderito alla Gestione Associata della Protezione Civile Intercomunale, estrapolando quello comunale, per non aver problemi con la Regione che chiede questo Piano, avranno un costo in base agli abitanti e al territorio di un buon 50% in meno, se ogni Comune invece lo richiedesse alle imprese private.” Vi sono interventi che riguardano le nostre strade storiche? “Sulla valorizzazione dei tracciati storici e rivalutazione delle antiche strade della Valle, vi è un buon inizio: la Via Mercatorum, sarà interessata da interventi di sistemazione per poter ripercorrere tutto l’intero tracciato, inoltre verrà valorizzata pure la Strada Priula sui Comuni di Sedina, San Pellegrino Terme, , fino a .”

Assessorato Turismo Cultura-assessore e vice presidente Comunità Montana
Nasce dalla nuova Amministrazione l’intenzione di creare un progetto finalizzato al rilancio dell’immagine vallare, al consolidamento delle realtà culturali ed alla valorizzazione del patriimonio storico-ambientaleculturale del territorio, con la ricerca di modalità innovative ed articolate di promozione che si sviluppano sotto vari aspetti. Tale progetto prevede: Il posizionamento di totem informativi all’esterno di uffici, biblioteche e Pro loco, attraverso questi strumenti disponibili 24 ore su 24, si potranno inserire informazioni, immagini e descrizioni del territorio.

Il rifacimento delle cartine vallari. La partecipazione a fiere nazionali ed internazionali. L’acquisizione di spazi promozionali in TV regionali quale veicolo particolarmente effi cace per la diffusone di messaggi e promozione turistica che permettono di raggiungere gli operatori del settore che degli utenti, fruitori delle attività promozionali. La predisposizione della guida estiva completa di tutte le maninfestazioni vallari. La realizzazione eventuale di nuovi opuscoli secondo esigenze turistiche da valutare. La promozione del territorio attraverso inserzioni su mass-media provinciali e regionali. L’implementazione costante del sito Internet con particolare riguardo all’offerta turistica ed all’aggiornamento in tempo reale delle manifestazioni.

La promozione di prodotti tipici della “Valle” in collaborazione con il settore agricoltura. In ambito culturale il sostegno alle amministrazioni, enti, associazioni nella pubblicazioni di libri, testi e ricerche e l’istituzione di un premio per tesi di laurea in ambito culturale. Per quest’anno è stata riproposta l’adesione alla Rassegna Provinciale dei concerti bandistici in collaborazione con l’Associazione Bergamasca , con la programmazione di concerti in tutto il territorio in accordo con le Amministrazioni comunali oltre l’erogazione di un contributo per il raduno bandistico vallare. Inoltre sono previsti interventi per sostenere e promuovere sul territorio iniziative di sviluppo e promozione del prodotto ”Valle Brembana” in tutte le stagioni.

Assessorato Servizi Sociali- Sanità, Istruzione- assessore e Presidente Assemblea Sindaci Ambito Valle Ezio Remuzzi – La Comunità Montana oltre a promuovere delle proprie azioni nel settore dei Servizi Sociali ed Assistenza alla persona, è anche ente attuatore rispetto a quanto viene promosso dall’Assemblea dei Sindaci, organo preposto per la gestione del piano di zona, ossia tute quelle azioni rivolte alla assistenza alla persona. I trasferimenti dello Stato hanno subìto una considerevole diminuzione nonostante sia sempre più richiesto uno sforzo ed un impegno maggiore. Fra i fondi nazionali da gestire e l’impegno economico diretto della Comunità Montana, complessivamente si raggiunge la cifra di 1.250.000 Euro, che rapportata alle azioni da svolgere nei 38 Comuni del territorio vallare, di certo risulta non essere un importo che consente ampi spazi di progettazione. Tale ammontare corrisponde ad una spesa procapite inferiore ai 30 Euro. Un possibile miglioramento della situazione potrebbe realizzarsi tramite l’arrivo di nuovi fondi, in particolare tramite fi nanziamento regionale per la realizzazione di servizi in forma associata.

In questa direzione lavora la Comunità Montana e già le singole Amministrazioni comunali hanno manifestato interesse e partecipazione per il convenzionamento di servizi, anche azioni già in essere, ma ad oggi non convenzionate. La gestione di tali problematiche è impegnativa e molto importante, svolgendo azioni nel settore sociale diffi cilmente è possibile contenere i costi senza diminuire la qualità dei servizi. Oltre a consolidate azioni , fra le quali il segretariato sociale, riveste un ruolo signifi cativo il progetto di prevenzione avviato sia in sottoambito vallare che in sottoambiti di zona.

Il presidente della Comunità Montana Valle Brembana , dopo l’ampia esposizione del bilancio da parte di tutti gli assessorati, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Il nuovo corso della Comunità Montana ha avuto un ottimo inizio, la Giunta ha programmato per il 2010 ricevendo l’approvazione quasi plebiscitaria da parte dell’Assemblea, un programma molto articolato e impegnativo. Un programma nel segno della continuità ma anche dell’innovazione rispetto la precedente amministrazione, che certamente permetterà di dimostrare l’importanza di avere una Comunità Montana unita e forte, che rappresenta le vere esigenze della montagna.

Montagna che deve ricevere le risorse necessarie per poter mantenere sia i territori nello stato necessario per poter vivere e per chi ci vive che deve avere la stessa dignità e servizi di chi opera invece in pianura”.