Algua – Tutto come un tempo al laghetto di , lo specchio alpino presente solo nei ricordi dei più anziani è tornato a nuova vita. Tutto inizio nell’ottobre del 1896 quando una , grandissima, si staccò dalla falda sinistra della valle del torrente . L’enorme massa di materiale precipitò nella valle sbarrandola completamente e ricoprendo la provinciale. Per effetto di questo sbarramento le acque del torrente , impedite nel loro corso formarono un lago. Nei mesi successivi si dovette istituire un traghetto per superare lo sbarramento lacustre in attesa che la si stabilizzasse per poter costruire una nuova strada provinciale. Nel corso degli anni quell’evento tragico si trasformo in un nuovo elemento geografico della e fu per decenni una piacevole attrattiva turistica, finche le continue piene del torrente hanno trasformato il tutto in una piana alluvionale colma di detriti e negli anni 90 la Comunità Montana ha tramutato in un area pic-nic e zona umida per il ripopolamento degli anfibi.

Recentemente l’intera zona è stata come “ristrutturata” grazie a lavori per 20 mila euro dalla Ster con scavi nell’alveo e la costruzione di scogliere e ora il lago si mostra con il suo mezzo chilometro di lunghezza come un tempo. Alla storia di questo lago sono legati anche dolorosi episodi della resistenza , il 30 settembre 1944 persero la vita nel lago due partigiani Norberto Duzioni e Giovanni Zelasco. Un anno più tardi invece otto militi della forestale di San vennero fucilati nella stessa zona. Come se la ricreazione del lago possa essere di ricordo anche per chi eroicamente in quelle acque perse la vita per la patria.

Nicolò Belloli – News