Era diventato un po’ il simbolo della rinascita della , della voglia di guardare oltre la crisi. E il nuovo indirizzo tecnico di meccanica-meccatronica, attivo da settembre all’Istituto di istruzione superiore Turoldo di , sta confermando le aspettative. Alla vigilia dello scadere del termine per le iscrizioni le adesioni dei ragazzi sono numerose e non è escluso che si possano attivare due classi prime invece di una.

“Nel settembre scorso – conferma il dirigente scolastico Gualtiero Beolchi – la classe prima era stata attivata con un numero minimo di adesioni, mentre attualmente siamo a 36 iscritti. L’interesse per questo indirizzo sta crescendo e crescerà ancora, grazie anche al sostegno di tutta la comunità, delle imprese, degli enti locali, che sono vicino a questa nuova proposta e alla scuola in generale. La collaborazione del nostro istituto con le imprese è preziosa, come dimostra anche la recente donazione da parte del gruppo Smi di un’aula multimediale”.

Il nuovo indirizzo consente ai ragazzi intenzionati ad acquisire una formazione tecnica nell’ambito della meccanica-meccatronica di evitare faticosi spostamenti verso la città e può godere di una stretta vicinanza con il mondo delle imprese che hanno promosso e seguito da vicino la sua nascita. “Confindustria Bergamo – sottolinea Stefano , vice-presidente per l’education – sostiene da molti anni l’importanza dell’istruzione tecnica e dedica progetti ed iniziative al suo rilancio. Il successo di questo nuovo indirizzo in questo specifico ambito è per noi molto significativo e ben si inserisce nell’articolato progetto di sviluppo della meccatronica nella nostra provincia”.

Anche Alessia Ceroni, della commissione education del Gruppo Giovani di Confindustria Bergamo, che segue da vicino il progetto di sostegno alla formazione tecnica, giudica molto positivamente la crescita delle iscrizioni al nuovo indirizzo. “Abbiamo lavorato molto, in particolare nella Valle , per favorire una scelta più ragionata da parte dei ragazzi delle scuole medie, che si basi anche sulla conoscenza del mondo del lavoro e delle sue necessità, ed ora ci faremo parte attiva, sia direttamente sia promuovendo la partecipazione delle imprese, per sostenere progetti di alternanza scuola-lavoro, stages e il futuro laboratorio. Le nostre industrie hanno grande bisogno di tecnici preparati per restare competitive e la collaborazione con la scuola è fondamentale”.

Bergamo NEWS

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a ZognoFotografie immagini di ZognoEscursioni sui sentieri di ZognoManifestazioni a Zogno in media Valle Brembana