Domenica 17 gennaio anche nella si terrà la «Giornata nazionale dedicata alla prevenzione degli incidenti da valanga». Il Corpo nazionale e speleologico, con il progetto «Sicuri in montagna», promuove da anni, con la collaborazione delle scuole d’alpinismo e scialpinismo, delle commissioni e delle scuole centrali di escursionismo, alpinismo giovanile, fondoescursionismo, del Servizio valanghe italiano del Cai e della Società alpinistica Falc, attività che mirano alla prevenzione degli incidenti in montagna. L’iniziativa, rivolta alla prevenzione degli incidenti da valanga, riguarda l’intero territorio nazionale e numerose saranno le località interessate.

«La stagione invernale presenta dei rischi peculiari che vengono messi in evidenza dagli incidenti – spiegano gli organizzatori –. Ciò non interessa solo gli appassionati di alpinismo ma anche chi fa discese in neve fresca, escursionisti con racchette, chi fa uso di motoslitte e altri ancora. Gli interventi degli anni passati hanno fatto registrare una preoccupante situazione che denuncia, inequivocabilmente, diffuse carenze a livello della preparazione personale, della valutazione del pericolo e nell’uso dell’attrezzatura d’auto soccorso». «In questo senso – continuano gli organizzatori – risulta di fondamentale importanza far crescere la consapevolezza personale accompagnata da un indispensabile bagaglio tecnico».

Il 17 gennaio, in varie località montane, si darà vita a momenti di coinvolgimento aperti a tutti gli appassionati, sciatori ed escursionisti, che desiderano ricevere informazioni o approfondire le proprie conoscenze sulla frequentazione in della montagna innevata. Per conoscere le iniziative in programma e le località interessate dalla manifestazione, basta consultare i siti web di riferimento (www.sicurinmontagna.it, www.cai.it. www.cai-svi.it, www.falc.net).

In Lombardia le in cui si terrà la «Giornata di prevenzione degli incidenti da valanga», saranno i Piani di Bobbio-Valsassina (raggiungibile anche da Valtorta), quindi il Passo del Tonale (slittinovie Carezze), Schilpario e Chiesa in Valmalenco (Sondrio). Saranno proposti convegni, osservazioni dei percorsi scialpinistici ed escursionistici da parte di tecnici e istruttori, con la possibilità di avere consigli e dati statistici; ci saranno, quindi, stand informativi-dimostrativi per assistere a dimostrazioni di ricerca e autosoccorso in valanga e campi neve organizzati per partecipare a momenti dimostrativi e didattici.

L’Eco di Bergamo