San Giovanni Bianco – Aveva alle spalle trent’anni di scalate, di passione per la che l’avevano portato ad essere conosciuto da tutti in paese come un alpinisa navigato ed esperto. Per questo la notizia della morte di Claudio Morali sabato 20 ottobre ha ha lasciato nello stupore tutto il paese di , che si è chiuso nel suo dolore per l’incredibile tragedia che ha colpito la famiglia del 50enne morto durante un’ sulla parete roccioosa di Brentino Belluno, nel Veronese. Un tratto che, per un alpinista della sua esperienza, poteva anche risultare semplice. Invece sabato, proprio nel momento di iniziare la discesa, qualcosa è andato storto. Cosa ancora non si sa, stanno cercando di capirlo i della stazione locale.

Quanto raccontato dai compagni di escursione è che Morali stava semplicemente iniziando la discesa quando è improvvisamente precipitato nel vuoto. Un volo di 180 metri che non gli ha lasciato scampo, tant’è che i primi soccorsi, chiamati tempestivamente dagli amici della vittima, non hanno potuto far altro che constatare il decesso del 50enne avvenuto per le numerose ferite e fratture riportate durante la caduta. Morali lascia nel dolore la moglie Simona, i figli Lorenzo di 15 anni e Alexandra di 13, oltre alla sorella Elisabetta e il fratello Elio.

News