Alta – Un grande successo, alla faccia di tutto quanto era maledettamente in : il percorso, il ballerino che ha imposto il rinvio, i «piccoli numeri» di paesi dal cuore grande. È stato un tripudio di colori e genuino entusiasmo il Carnevale dell’alta , coordinato dalla Pro loco di e sostenuto da vicariato locale, Comuni e commercianti. A dispetto di un «bacino d’utenza» che conta meno di tremila abitanti, erano ben undici i gruppi mascherati che si sono radunati a Valnegra davanti alle scuole. Allestimenti molto curati hanno offerto un colpo d’occhio di grande effetto e fatto la gioia dei più piccini, a cominciare dai bimbi del locale nido Linus e delle scuole materne e primarie della zona. Il lungo corteo ha percorso i circa due chilometri che salgono sino a Moio de’ Calvi, dove in piazza IV Novembre si sono svolte l’animazione finale e le premiazioni. La classifica di merito (stilata in base ai giudizi incrociati espressi dai gruppi iscritti) ha assegnato il primo posto ex aequo al gruppo «Heidi nella valle dei Ruk» di e «Alice nel paese delle meraviglie» di .

I primi hanno ricordato il noto personaggio dei cartoons con tanto di casetta fra i monti, mentre Lenna ha evocato il mitico racconto di Lewis Carroll. Applauditissima piazza d’onore per i «padroni di casa» di Moio, che ricordando la tradizione delle mele hanno attorniato una gigantesca «Biancanevole» con decine di in cartapesta. Con loro, sul secondo gradino del podio, anche i Pazzi Pupazzi dell’asilo San Martino a Piazza Brembana. Terzo posto a «Direttamente da Marte» della quarta classe della primaria di Piazza Brembana, Puffi dell’asilo di Valnegra e «Gli indiani» di Valnegra.

L’Eco di Bergamo