Dopo più di 50 anni si sono ritrovati per festeggiare insieme il patrono San Gaetano nella piccola chiesetta intitolata al santo di Thiene. Loro sono i «ragazzi dei Ponti», oggi ormai quasi nonni, che negli anni Sessanta, il 7 agosto di ogni anno, erano soliti salire lungo la ripida mulattiera – che dalla frazione Ponti di porta alle frazioni Carnito e San Gaetano – per partecipare alla festa patronale. Sabato, mezzo secolo dopo, i «ragazzi dei Ponti» si sono dati appuntamento nella piccola contrada di San Gaetano in occasione dei festeggiamenti patronali che ogni anno animano la chiesetta che si trova sul territorio di , ma dipende dalla parrocchia di .

Un tempo percorrevamo la mulattiera dai Ponti fino a qui nel tempo record di 15 minuti – raccontano i partecipanti alla giornata –. Oggi ci abbiamo impiegato circa mezz’ora, ma va detto che ci siamo fermati anche alle santelle lungo il percorso». La forma non è più quella di una volta, ma poco importa. Sempre all’insegna della tradizione, al termine della Messa appuntamento conviviale a casa di Domenico Ghisalberti dove negli anni Settanta, il 7 agosto, a Messa finita, si teneva un pic-nic con la signora Elisa Fustinoni, gestore dell’allora unico telefono pubblico della contrada, che offriva spuntini e frutta cotta di stagione.

Gabriella Pellegrini – L’Eco di Bergamo