San Pellegrino Terme – All’asta per almeno 5-6 milioni di euro o mantenerlo di proprietà pubblica? Il futuro del di San Pellegrino pare essere sempre più incerto. E, probabilmente, decisivo sul suo destino sarà l’avvio delle nuove terme e quanto queste rilanceranno veramente la cittadina . La società pubblica proprietaria dello storico edificio (al 100% del Comune) è in liquidazione e le ipotesi sul campo ora sono più di una. Quella prevalente sembra essere la vendita. «A breve verrà eseguita una nuova perizia sul valore dell’edificio – spiega il sindaco Vittorio – quindi faremo un bando per una manifestazione di interesse. Da lì valuteremo se procedere o meno con l’asta. Ovvio che lo faremo solo se ci sarà un imprenditore disposto a recuperare l’immobile (servono 40-50 milioni di euro, ndr), perché non avrebbe senso venderlo per lasciarlo cadere. Se, invece, dovesse arrivare l’autorizzazione per aprire una casa da gioco le possibilità di recupero sarebbero maggiori. A quel punto varrebbe la pena mantenerlo pubblico.

Il Grand Hotel è stato anche inserito nel “Progetto dimore” del Demanio, progetto in cui si cercano imprenditori disposti al recupero e alla gestione di storici edifici: ma, in genere si tratta di operazioni da pochi milioni di euro, mentre per il nostro ex albergo servono almeno 40 milioni». Negli ultimi tempi si sono fatte avanti anche altre due soluzioni: in mancanza di fondi per il recupero completo si potrebbe sistemare e utilizzare solo il piano terra, oppure si ipotizza l’apertura di una casa per anziani. «L’uso di un solo piano comporterebbe comunque una spesa di 6-7 milioni di euro – continua il sindaco – mentre la trasformazione in Rsa, ovviamente di lusso, contrasterebbe, però, con la vocazione turistica della cittadina». «A questo punto – conclude Milesi – la cosa migliore da fare potrebbe essere quella di attendere l’apertura delle nuove terme e quindi capire se il rilancio porterà di nuovo interesse economico intorno anche al Grand Hotel».

Intanto, nei giorni scorsi, alle ex terme, è stata presentata la prima tesi di laurea in architettura sul Grand Hotel, scritta da Marco Bellotti di Pontremoli (Massa Carrara) e Tommaso Fracassi di Rovescala (Pavia), entrambi 27 anni e con nonni originari di . «Il Grand Hotel mi ha sempre affascinato – racconta Bellotti –. Da quando ero ragazzino, ogni volta che andavo in mi fermavo a San Pellegrino e lo fotografavo. Quelle immagini che raccontano quasi 20 anni dell’edificio ora mi sono servite per la tesi». Tesi che ipotizza un uso polifunzionale dell’ex albergo: spa e spazi benessere al piano interrato, hall, reception e sale comuni per svago al pianoterra, università alberghiera al primo piano, hotel dal secondo al quarto piano e sala conferenza, galleria espositiva e bar-ristorante nel sottotetto.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di