Branzi – Il , dalle stalle della (dove si seleziona il latte) alle stelle (quelle degli chef), passando attraverso tutte le cucine del mondo. Potrebbe essere sottotitolata così la nuova iniziativa che vede il marchio Formaggio tipico di Branzi presente alla prima edizione di «Cooking », la manifestazione dedicata all’alta cucina che debutterà alla Fiera di oggi e domani. A pieno titolo, il formaggio di Branzi, comparirà, dunque, tra i grandi marchi che esporranno in questa prima rassegna gastronomica , nel cui ambito verrà ospitata la selezione italiana del «Bocuse d’Or», il più importante concorso gastronomico del mondo. «L’auspicio – spiega Francesco Maroni – è che i grandi chef italiani presenti alla competizione possano, tra una gara e l’altra, apprezzare il nostro prodotto tipico, che per la sua versatilità, può adattarsi con massima flessibilità sia alla cucina cosiddetta povera, sia all'”haute cuisine”, così come hanno dimostrato gli chef orobici che la scorsa estate hanno sperimentato il Branzi in mille modi».

I «magnifici cinque» chef – Chicco Coria, Enrico Cerea, Ezio , Fabrizio e Paolo Frosio –, con elaborazioni esclusive, avevano declinato in ogni modo il Branzi, che aveva saputo adattarsi con grande facilità alla loro fantasia; dal primo piatto al «quasi dolce».

Ora le ricette degli chef orobici, che avevano incuriosito tutti, sono state messe nero su bianco e verranno raccolte in un agile volumetto di prossima distribuzione. Intanto, in anteprima, durante la kermesse culinaria di oggi e domani, verrà presentato l’inedito ricettario che comparirà su pannelli giganti. Un’idea che, dopo i cinque grandi chef, è stata accolta anche da altri cultori del Branzi: Francesco Gotti, chef del Bobadilla; Franco Pedretti del ristorante «Pedretti» di Branzi; Manuela Rossi del ristorante «Corona» di Branzi; Fulvio Berera del ristorante «K2» di , il rifugio Mirtillo di e, infine, anche Cristina Pedretti, la nonna di Branzi; le loro elaborazioni completano e implementano il ricettario, a dimostrazione della poliedricità del formaggio, in grado di adattarsi a tutte le cucine. In Fiera verranno proposti pratici workshop a cura di Ezio Gritti, chef dell’Osteria di via Solata di Città Alta.

L’Eco di Bergamo

Hotel, Alberghi e Appartamenti BranziFotografie Branzi