Piazza Brembana – Di cartoline se ne spediscono sempre meno. Per molti, un meno dispendioso e più rapido sms. Ma non è la stessa cosa. La cartolina dà forma di immagine al ricordo: il , i monti, la piazza di una città, la magia di un paesaggio e l’incanto di un tramonto. Qualcosa di più di un pur poetico messaggino.

A rivalutare questo tipo di comunicazione è, in Brembana, l’associazione di sociale «SeDiciMenti», che organizza per oggi un laboratorio per la creazione di cartoline personalizzate, realizzate con materiali di recupero. Tema, naturalmente, la Valle Brembana, il suo territorio, i suoi colori, i suoi sapori. Non solo manipolazione o un semplice «taglia e incolla», ma la ricerca di qualcosa che possa esprimere le sensazioni e le emozioni che la valle regala a chi ci abita e a chi la visita. «Si vuole far rivivere la cartolina – spiegano i giovani di “SeDiciMenti” –, renderla personale e viva. In alcuni paesi le cartoline sono quasi scomparse oppure riportano immagini alquanto vecchie. La personalizzazione di una cartolina può essere un modo nuovo per comunicare la propria esperienza».

Al laboratorio di oggi, a , possono partecipare bambini e adulti, ai quali sarà consegnato materiale fotografico e promozionale della valle insieme a cartoncino, forbici e colla. Ognuno potrà creare il suo manufatto, affrancarlo e spedirlo agli amici, proprio come una normale cartolina, con il valore aggiunto dell’esclusività. «Questa iniziativa – continuano i giovani – vuole portare avanti tematiche importanti per la nostra associazione, quali la sostenibilità, la comunicazione, i linguaggi artistici e l’ecologia». L’attività «Spediamo la valle» prenderà il via alle 14,30 nella saletta della Pro loco.

– L’Eco di