La consegna del premio – Branzi – «Per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia stesso », cantava Mina in una canzone degli anni Sessanta. E la fedeltà al luogo di vacanza c’è qualcuno che la mantiene da 50 anni, in però. È il caso dei coniugi Luigi Bulzi, 77 anni, e Mariuccia Chiodi, 76 anni, di Rovello Porro, in provincia di Como, che da 50 anni vanno in villeggiatura a , in alta . Di recente, prima del loro ritorno nel Comasco, il bar «La Tavernetta» di Juri e Marzia Pianetti li ha premiati con una targa che riportava la semplice scritta «Da 50 anni a Branzi».

Era infatti il 1959 quando per problemi di salute del loro figlio Doriano, di soli cinque mesi, era stato consigliato ai coniugi Bulzi di trascorrere un periodo in montagna. «Tramite conoscenze hanno affittato un monolocale in località San Rocco e da lì le loro vacanze montane le hanno sempre trascorse a Branzi, perché il paese è sempre piaciuto loro e le sono sempre state accoglienti nei loro confronti – spiega il figlio Umberto –. Fin dai primi anni di villeggiatura, infatti, hanno conosciuto e fatto amicizia con gli abitanti del paese e con altri villeggianti e ora trascorrono per quasi tutta l’estate le loro vacanze in alta valle». Da qualche anno si sono spostati dalla frazione San Rocco in centro paese, ma sempre fedeli a Branzi. «Apprezzano il paesaggio, la tranquillità, ma soprattutto le molte straordinarie che hanno conosciuto nel corso degli anni – prosegue il figlio –. Un ringraziamento particolare ai fratelli Pianetti per il bel pensiero dedicato ai miei genitori».

Arizzi – L’Eco di

Hotel, Alberghi e Appartamenti BranziFotografie Branzi