giglio_uccellinoQuattro denunciate a piede libero e una serie di attrezzature – tra cui un fucile –utilizzate per dare la caccia ad protetti, finitesonosequestro.

È il bilancio di un’attività messa in campo nel fine settimana dal Corpo Forestale dello Stato. Nei guai sono finite quattro cacciatori tra i 47 e i 76 anni, residenti tra la e il Basso Sebino.

In particolare, gli uomini della forestale hanno sequestrato sei reti utilizzate per l’uccellagione, sette trappole per la cattura di animali protetti e un fucile.

Nel corso dell’operazione sono stati individuati e liberati alcuni esemplari di specie protetta, già finiti nelle trappole dei bracconieri.

DNEWS