Dall’assessore della alla Protezione Civile e all’Ambiente/ Ecologia Enrico Sonzogni, la comunicazione dell’approvazione dello schema di Convenzione per la gestione in forma associata delle funzioni relative al servizio di Protezione Civile, avvenuta durante l’Assemblea convocata alla fi ne del mese di aprile 2010. La Convenzione ha le seguenti finalità: creare una struttura organizzativa capace di affrontare la gestione della Protezione Civile sovraccomunale; Ottenere economie di scala, concentrando in un unico ufficio le attività inerenti la Protezione Civile; Permettere alle Amministrazione di dotarsi di strumenti e tecnologie innovative per la gestione delle informazioni e delle emergenze; Valorizzare le professionalità presenti nei Comuni nel settore della Protezione Civile, in un’ottica di miglioramento delle qualità delle prestazioni fornite.

A tale scopo, è quindi prevista un’unica struttura organizzativa. L’Ufficio Unico Protezione Civile, alle dipendenze della Comunità Montana, così articolato: Gruppo di Coordinamento Interistituziona e: composto dai sindaci o loro delegati partecipanti alla Convenzione, con compito di esprimere pareri e preventivi sugli atti che si riferiscono all’Ufficio Unico.

Civile Intercomunale:
realizzerà il Piano di Protezione Civile Intercomunale oltre vari previsti altri importanti impegni. Adempimento del Servizio Antincendio Boschivo: proseguimento delle attuali funzioni. Piano di Protezione Civile Intercomunale di emergenza PETER, si divide in 4 tipi di scenari: Rischio incendi boschivi- Rimonio schio frane- Rischio alluvioni-Rischio .

Prossimi obiettivi:
Con i 400 volontari divisi in 25 gruppi, creare il Gruppo Intercomunale di Protezione Civile della Valle Brembana con iscrizione all’Albo regionale tramite la . Presso la Comunità Montana, creare una struttura per la gestione della Protezione Civile in Valle attraverso il Gruppo Intercomunale di Protezione Civile e le Guardie Ecologiche Volontarie, coinvolgendo le Associazioni che operano sul territorio, quali , in congedo ecc. e soprattutto collaborare con gli Enti, come la Provincia così come già avvenuto e con la .

Enzo Novesi – InterValli