Oltre il Colle – Sarà inaugurata sabato, alle 10.30, la Cattedrale verde di , opera d’arte ambientale dell’artista Giuliano Mauri e curata da Paola Tognon, lungo le pendici del monte Arera. La realizzazione è un’iniziativa voluta dal Parco delle Orobie, organizzata insieme ai Comuni di Oltre il Colle, Roncobello e Ardesio e con la partecipazione del Centro di etica ambientale di Bergamo. Architettura naturale a cielo aperto, interamente costruita con materiale vegetale, la Cattedrale vuole, nell’Anno internazionale della biodiversità, valorizzare le eccezionali caratteristiche ambientali del territorio dell’Arera attraverso un segno d’arte contemporanea. La cattedrale ha 5 navate e 42 colonne ed è costruita con 1.800 pali di abete, 600 rami di castagno, 6.000 metri di rami di nocciolo e 42 piante di faggio, uniti da legno flessibile, picchetti, chiodi e corde secondo l’antica arte dell’intreccio.

Sorge a 1.345 metri di altitudine. È un’opera «abitabile» progettata da Giuliano Mauri, artista scomparso nella primavera del 2009, riconosciuto a livello internazionale per l’originalità della riflessione artistica e l’unicità delle sue opere. Al figlio Roberto e a una squadra di abili carpentieri si deve il complesso lavoro di cantiere per l’innalzamento della cattedrale sulla base del progetto, dei disegni e delle indicazioni elaborate da Giuliano tra il 2008 e 2009. Un progetto complesso che ricorda la determinazione dell’artista che ne ha seguito con particolare passione le fasi progettuali, trovando sulle pendici alberate e nelle alture aride dell’Arera un luogo di intensa tensione poetica.

La sua ideazione prevede negli anni la crescita di faggi all’interno delle 42 colonne costruite interamente da materiale vegetale. La crescita degli alberi segnerà in circa vent’anni la contemporanea trasformazione e perdita della struttura lignea originaria lasciando così che la natura prenda il sopravvento sul gesto artistico di cui resterà solo memoria formale. La cattedrale, con la sua struttura aperta e percorribile in ogni direzione, potrà essere, come già nelle intenzioni dell’artista, teatro naturale per eventi legati ad altre discipline della creatività, luogo di sosta solitaria o di aggregazione per momenti formativi ed educativi oltre che punto di partenza e di arrivo tra i sentieri delle Orobie. Dopo l’inaugurazione seguirà la presentazione del progetto di valorizzazione dei sentieri dei Fiori e delle Farfalle, che sarà possibile osservare da vicino grazie all’escursione guidata sul con gli esperti del Museo civico di scienze naturali Caffi di Bergamo.

L’Eco di Bergamo

http://forum.valbrembanaweb.com/manifestazioni-valle-brembana-f90/cattedrale-vegetale-costruzione-sull-arera-t4630.html