Serina – Tutti noi potremmo, un giorno, essere nelle condizioni di aver bisogno di un appartamento come quello che stiamo inaugurando. Non dobbiamo pensare che la povertà sociale riguardi solo altri e non le nostre famiglie». Sono le parole di un educatore del consorzio Solco Priula che hanno lasciato un po’ scossi gli intervenuti alla cerimonia di inaugurazione, all’ Carrara di Serina, di nove alloggi di «housing sociale», di cui quattro realizzati a e cinque ad Antea di San Terme.

«Tutto nasce nel 2006, in poco tempo i contributi da Regione e vari enti e poi alcuni mesi di lavoro – spiega il sindaco di Serina Michele Villarboito –. Saranno destinati a persone che vivono in situazioni di povertà proponendo loro un percorso di reinserimento sociale. Offrendo la possibilità di ricostruire condizioni esistenziali dignitose». Il costo complessivo dell’opera è stato di 762 mila euro provenienti dai Comuni di Serina e San Pellegrino, , consorzio Solco Priula e fondazione Cariplo. «Orgoglio delle nostre comunità – afferma il sindaco di San Pellegrino Gianluigi Scanzi – sarà quello di vedere una persona che in un futuro possa dire di essersi appropriato della propria dignità, serenità e felicità». «Quando il sindaco Villarboito m’ha chiesto un aiuto, ho fatto del mio per reperire i fondi e il risultato oggi è sotto gli occhi di tutti», ha detto il consigliere regionale Giosuè Frosio. Le parole di gratitudine son giunte da tanti amministratori locali e dalla .

Massimo Pesenti – L’Eco di

Alberghi Appartamenti SerinaFotografie Serina