Santa Brigida – Un centro informazioni turistiche, con annesso museo della storia, per la , e non solo. È quello che sta per sorgere in località Carale a . Il museo-infopoint è in corso di realizzazione in un edificio, di proprietà comunale, del 1700. Grazie a un primo lotto di lavori, iniziati lo scorso anno e pronti a concludersi entro il prossimo mese di luglio, si è provveduto a mettere in la casa, a rifare il tetto e le solette. Ora, grazie a un finanziamento dell’Unione europea di 314 mila euro, si provvederà al completamento dei lavori, con la realizzazione degli , di quello elettrico, delle finiture e dei serramenti.

«Si tratta di un edificio antico – spiega il sindaco di Santa Brigida Carluccio Regazzoni – utilizzato come abitazione privata fino a una ventina d’anni fa. La casa andò poi in deperimento e il Comune la acquistò. Lo trasformeremo in un museo e centro di informazioni per il turismo della Valle Averara». Secondo il progetto previsto dall’architetto Flavio Papetti di , l’allestimento prevede reception, sala polivalente, sale multimediali con tutto quanto riguarda il turismo della Valle Averara (che comprende i paesi di , Santa Brigida e Averara) e dei paesi vicini.

«Vorrà essere soprattutto il centro informazioni turistiche per i paesi dell’alta valle – continua il sindaco –. Qui il turista potrà farsi una prima idea di cosa si può visitare nei nostri centri. Ci sarà poi una parte museale che dovrebbe accogliere oggetti storici della nostra valle. Entro luglio dovremmo concludere i lavori del primo lotto per la messa in sicurezza dello stabile, quindi a settembre pubblicheremo il bando per il secondo lotto, grazie al finanziamento avuto tramite la Regione. E nel 2011 dovremmo completare i lavori».

Sempre a Santa Brigida l’amministrazione comunale ha in progetto altri interventi. Grazie a un finanziamento regionale di 325 mila euro sarà realizzato un nuovo parcheggio auto in località Muggiasca, a lato della provinciale che sale verso Cusio: disporrà di 13 posti. Il bando per l’appalto dovrebbe essere pubblicato in autunno e il cantiere aprirsi il prossimo anno.

Altro intervento che sarà consentito grazie a fondi messi a disposizione della è il rinnovo di parte dell’illuminazione pubblica. «Sarà rifatta la centralina elettrica – spiega ancora il sindaco di Santa Brigida Regazzoni – quindi sarà illuminata la mulattiera di via Caalera, ovvero il percorso che da Monticello porta al santuario della Madonna Addolorata». «Sono tutti interventi importanti – conclude il sindaco di Santa Brigida – che possiamo realizzare solo grazie ai finanziamenti messi a disposizione dagli enti pubblici superiori. Diversamente, in un periodo di difficoltà economica e di tagli dei trasferimenti come questo, non riusciremmo a fare molto».

L’Eco di

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a Santa Brigida
Fotografie immagini di Santa BrigidaEscursioni sui sentieri di Santa Brigida