Camerata Cornello – L’Ostello dei di , albergo-ristorante di proprietà comunale, riapre i battenti. Dopo che l’ultima asta per la gestione era andata deserta, il Comune aveva deciso di avviare una trattativa privata con società o gruppi interessati a prendere in affitto la struttura ricettiva costruita nel 2002 a Orbrembo (130 posti ristorante e 14 camere). E l’iniziativa è andata a buon fine. L’Ostello, protagonista negli ultimi anni di corsi e ricorsi al Tar, di aste deserte e gestioni fallimentari, è stato affidato per otto anni a una cooperativa denominata «Ostello dei 2010»: 22 i soci fondatori, divenuti già una trentina, della cooperativa, guidata dal presidente Franco De Pasquale di , con Maurizio Colleoni vicepresidente, quindi Diletta De Pasquale, Carlo Tiraboschi e Veronica Bosio come consiglieri. La cooperativa, in particolare, gestirà le attività ricettive e ristorative, mentre lo spazio polifunzionale per eventi, spettacoli e incontri culturali, sarà affidato al neonato circolo Arci (Associazione ricreativa culturale italiana) «Arcinvalle» della Valle , sorto a San lo scorso marzo e presieduto da Maurizio Colleoni di Zogno. «Il circolo – spiega Colleoni – si attiverà per promuovere iniziative culturali, sociali e turistiche».

Si punta, per esempio, da subito, a coinvolgere 500 circoli Arci della Lombardia, ma anche altri gruppi culturali, turistici o sportivi. Per fare dell’Ostello un centro di della valle, dove organizzare congressi, corsi per guide turistiche e visite ai tesori brembani.
«L’affidamento della gestione – spiega il sindaco di Camerata Cornello Gianfranco – è stato deciso sulla base del programma presentato dalla cooperativa e in base all’offerta economica. Due erano le proposte che avevamo sul tavolo: oltre a quella della cooperativa e di Arci anche quella di una famiglia della Bassa bergamasca. Le prospettive sembrano buone. Si spera che, dopo tante vicende tormentate, ora l’Ostello possa finalmente decollare. Siamo fiduciosi».
Una gestione difficile quella dell’Ostello dei Tasso, nato nel 2002: la struttura ricettiva era già stata chiusa nel novembre 2008, dopo un lungo contenzioso tra amministrazione comunale e la vecchia società di gestione, colpevole di non pagare più l’affitto annuo. A colpi di sentenze del Tar e del Consiglio di Stato, il Comune era riuscito ad allontanare il gestore inadempiente. Dal dicembre 2008, quindi, un susseguirsi di aste per la gestione, con seguenti ricorsi al Tar dei perdenti. E nel gennaio scorso l’abbandono degli ultimi titolari, l’asta deserta e l’affidamento con trattativa privata. Oggi, alle 21, ci sarà l’inaugurazione dello spazio eventi con il circolo Arci della valle: alle 21,30 si terrà un concerto del gruppo «Nena and the Superyeah». Domani, alle 19, l’apertura ufficiale anche dell’albergo-ristorante, gestito dalla cooperativa che, inizialmente, darà lavoro a sei .

L’Eco di