Brembilla ha premiato i suoi volontari. Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale, infatti, sono stati consegnati i riconoscimenti ai volontari della Protezione civile che hanno prestato servizio in tre diverse occasioni: alle esequie di , nel corso dell’alluvione che colpì il paese nel 2002 e durante il post-terremoto in Abruzzo, nel 2009.

«Per i premiati ci sono un attestato e una medaglia – ha spiegato il consigliere comunale Nunzio Capelli –. Ricordiamo che 36 ore dopo il terremoto i nostri volontari erano già in Abruzzo a dare una mano e si sono alternati per le successive tre settimane. Un ringraziamento va espresso anche alle famiglie di queste che permettono loro di impegnarsi in protezione civile». Per l’alluvione 2002 sono stati premiati Osvaldo Zanardi, Giuseppe Pesenti, Mario Zanardi, Carlo Fustinoni, Giovanbattista Scanabessi; per il servizio di volontariato in Abruzzo 2009 il riconoscimento è andato a Carlo Giovanni Salvi, Giovanbattista Scanabessi, Mario Gervasoni, Nunzio Capelli, Maurizio Locatelli, Francesco Carminati, Massimiliano Rota, Giuliano Colasante, Mirko Gervasoni, Giuseppe Pesenti, Carlo Fustinoni e Giancarlo Rinaldi.

Un riconoscimento è andato anche ai volontari che hanno prestato servizio nel corso delle esequie di Papa Giovanni Paolo II: Alessandro Decina, Sebastiano Musitelli, Giuliano Colasante, Letizia Da Rin Sordin, Daniele Locatelli, Mario Gervasoni, Nunzio Capelli, Mario Zanardi. Si tratta in realtà di una benemerenza concessa dalla Repubblica ma per avere il cofanetto completo con tutte le medaglie, i volontari dovrebbero fare richiesta di acquisto allo Stato, con una spesa di 130 euro. Si è così deciso di limitarsi ad attestato e medaglia del Comune.