La Gamba Srl di Brembilla, attiva dagli anni Trenta nelle lavorazioni meccaniche di precisione in conto terzi, ha definito con i sindacati (Fim-Cisl e Fiom-Cgil), in un accordo siglato a Confindustria , l’utilizzo dal 24 maggio dei contratti di solidarietà, per un anno. Saranno interessati 30 dei 105 dipendenti dell’azienda, nel reparto riprese meccaniche e al magazzino, con una riduzione media del 43% dell’orario. I contratti di solidarietà, che prevedono un’integrazione all’80% delle ore non lavorate, arrivano a conclusione, venerdì 20, di un anno di cassa integrazione straordinaria. «Attraverso questo ammortizzatore sociale è possibile sopperire alla decina di esuberi strutturali che l’azienda segnalava alla fine del periodo di Cigs – spiega Pier Capelli della Fim-Cisl -.

L’intesa raggiunta è positiva e indica una per fronteggiare il problema dell’occupazione: nonostante la ripresa inizia ad avvertirsi, infatti, i posti di lavoro non stanno crescendo in maniera sufficiente. A è stata avviata solidarietà in altre due aziende (ad agosto alla Sit per 56 e un mese fa alla Omr per 19) a dimostrazione di come possa essere utilizzato questo strumento».

«L’accordo conferma che i contratti di solidarietà sono applicabili e realizzabili anche in sede confindustriale – dice Margherita Dozzi della Fiom-Cgil – Eppure se ne fanno ancora pochi: confidiamo che quanto realizzato a Brembilla rappresenti un buon esempio per tutta la provincia».

Da parte dell’azienda viene segnalata una ripresa a due velocità. «Abbiamo accettato la proposta del sindacato sui contratti di solidarietà a seguito di un calo di lavoro strutturale in alcune attività di bassa qualifica – spiegano dalla Gamba -. Siamo invece in crescita, e ci manca personale, nelle lavorazioni complesse, di alta precisione e con tolleranza ridotta, verso le quali stiamo orientando sempre più l’attività».S. R.

L’Eco di Bergamo

Alberghi, ristoranti e Appartamenti BrembillaFotografie Brembilla
EscursioniManifestazioniCartoline antiche