Zogno – Due quadri di notevole valore artistico e storico sono stati letteralmente strappati dalle pareti della chiesa parrocchiale di . Tutto è accaduto con molta probabilità giovedì nel tardo pomeriggio. Sono sparite due tele, una risalente a fine XVII secolo che raffigura la «Natività con adorazione dei pastori» e l’altra «L’Annunciazione» è della metà del ‘700. Le due opere realizzate secondo lo stile della scuola lombardo-veneta misurano poco più di un metro di larghezza e un metro e 40 centimetri di altezza, e sono indicati nel catalogo dei beni artistici e culturali della Curia di Bergamo. L’episodio ha destato sconcerto nella piccola comunità della frazione , mai interessata da fatti analoghi. «Durante il periodo invernale celebriamo le Messe feriali nella cappella dell’oratorio – spiega don Claudio Del Monte, parroco di – la chiesa rimane aperta alcune ore nel corso della giornata per il raccoglimento personale dei fedeli. Le Messe festive invece sono celebrate nella parrocchiale, sabato quindi, al termine della funzione ci siamo accorti del furto».

I due dipinti sono stati asportati dalla parete di fondo della chiesa, adiacente all’ingresso principale: erano affissi tramite un supporto il legno che è andato distrutto. Subito sono stati contattati i della stazione di , presentando inoltre denuncia contro ignoti. I militari dell’Arma hanno effettuato un sopralluogo nella chiesa, alla ricerca di indizi che potessero risultare utili a individuare gli autori del furto. I ladri hanno comunque agito a colpo sicuro. Sembra che le porte della chiesa non siano state forzate ed è quindi probabile che i malviventi abbiano operato in pieno giorno, durante gli orari in cui la chiesa è aperta. I carabinieri di hanno informato dell’accaduto il Comando di Bergamo e il Nucleo tutela patrimonio culturale di Monza, specializzato nelle indagini per recuperare opere d’arte. Come si è detto, fatti simili non si son mai registrati nella piccola comunità di Ambria e da tempo neppure in altre chiese della Valle Brembana. A questo proposito va comunque segnalato che nel corso degli ultimi anni, la quasi totalità delle opere d’arte di valore esposte nelle chiese della valle e le suppellettili di vario genere, sono state dotate di sensori e sistemi d’allarme per prevenire simili episodi.

Massimo Pesenti – L’Eco di Bergamo

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a ZognoFotografie immagini di ZognoEscursioni sui sentieri di ZognoManifestazioni a Zogno in media Valle Brembana